Lo stato tragico della sanità italiana destinato a peggiorare

Condividi

 

Lo stato tragico della sanità che non riesce a curare gli italiani bisognosi di cure è frutto dell’indirizzo politico dei governi che si sono asserviti all’ideologia neoliberista sostenuta dalle banche e dalle multinazionali.

Da dati certi emerge che dei 20 milioni di italiani che riscontrano difficoltà nel curarsi 12,2 milioni rinunciano a curarsi, 7 milioni si indebitano per farlo e 2,8 milioni sono costretti a vendere la casa per assicurarsi visite e medicine. I politici dunque non debbono assecondare il mercato globale predatorio, ma devono difendere gli italiani dalla loro mercificazione.
Lo impone l’articolo 32 della Costituzione secondo il quale “la Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti”.

E si ricordi che le privatizzazioni sono micidiali per il benessere del popolo italiano.

Paolo Maddalena

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -