Nantes: nuova notte di violenze dopo l’uccisione del ricercato Aboubakir

Diciannove persone sono state fermate a Nantes, nell’ovest della Francia, dopo una seconda notte di violenze seguita all’uccisione di un ricercato di 22 anni da parte di un poliziotto durante un controllo. Un arresto è stato eseguito nel paese natale del giovane, Garges-lès-Gonesse (Val d’Oise), mentre tra i fermati a Nantes ci sono quattro minorenni.

Le violenze al grido “Allah akbar”

Francia: polizia uccide un ricercato, rivolta a Nantes al grido “Allah akbar”

Stamani il premier Edouard Philippe, in visita nella città sull’Atlantico, ha condananto le violenze e promesso “la massima trasparenza” sulle circostanze dell’uccisione. Il premier ha aggiunto che sui 19 fermi, 11 sono stati trasformati in arresti. I fermi sono stati fatti nel quartiere del Breil, dove il giovane Aboubakir è stato ucciso.

“I fermi sono avvenuti per atti violenti, lancio di oggetti e tentativo d’incendio” ha detto all’Afp una fonte vicina a dossier. Ieri, dopo un avvio di serata relativamente calmo, nel quartieri “sensibili” di Breil, Bellevue, Dervallières e Malakoff sono state incendiate delle auto e per tutta la notte le forze dell’ordine hanno affrontato “qualche piccolo gruppo”. Sono stati danneggiati edifici pubblici, tra cui una biblioteca e un commissariato e una decina di negozi è stata data alle fiamme. La calma è tornata attorno alle cinque del mattina.

Martedì sera alle 20,30 il ricercato ha tentato di sfuggire in retromarcia al controllo urtando un agente con la sua auto, dopo che una pattuglia l’aveva fermato per una presunta infrazione e aveva tentato di portarlo in commissariato per l’identificazione.

Il pregiudicato era oggetto di un mandato di arresto per “furto in banda organizzata, ricettazione e associazione per delinquere”. Il procuratore del repubblica di Nantes Pierre Sennès ha detto che un altro agente ha seguito l’auto prima di fare fuoco una sola volta, colpendo il guidatore al collo e recidendogli l’arteria carotide. Il ragazzo è morto in ospedale .(con fonte Afp)

Condividi l'articolo

 



   

1 Commento per “Nantes: nuova notte di violenze dopo l’uccisione del ricercato Aboubakir”

  1. La Francia è un paese finito perché odia se stesso.
    La sua stolta laicité l’ha messa in ginocchio…….

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -