Pompei, vietata manifestazione per la famiglia: “davanti al Santuario c’è il gay pride”

Il Movimento politico Italia Cristiana, nella persona del Coordinatore di Avellino, Sabino Della Sala, ha presentato presso la Questura di Napoli regolare preavviso di manifestazione da effettuarsi a Pompei in piazza Bartolo Longo davanti al Santuario della Beata Vergine del Rosario per il giorno 30 Giugno 2018 con l’esposizione dello striscione “La Famiglia è fondata sul matrimonio tra un uomo e una donna: difendiamola!”.

La Questura di Napoli ci ha proibito di manifestare davanti al Santuario adducendo motivi di ordine pubblico, secondo quanto riportato nel diniego della Questura: “Considerato che in occasione della suddetta manifestazione è previsto l’afflusso consistente di persone che, dovendo partecipare al corteo “Pompei Pride 2018”, transiteranno per la predetta piazza Bartolo Longo, per cui potrebbero emergere criticità sotto il profilo dell’Ordine e della Sicurezza Pubblica” La Questura ci ha prescritto un’eventuale possibilità di manifestare in un luogo periferico di Pompei.

Troviamo inaccettabile e vergognoso che il Gay-pride sfili per il centro di Pompei transitando davanti al Santuario e che a noi venga relegata la possibilità di manifestare esclusivamente in periferia, lontani dal Santuario e irragionevolmente in prossimità di un centro commerciale. Ancora una volta la famiglia viene relegata ai margini per dare centralità alle lobby lgbt, recando grave offesa al sentimento religioso che il Santuario rappresenta.

Chiediamo un urgente intervento del Ministro dell’Interno Matteo Salvini e del Ministro per la Famiglia e la Disabilità Lorenzo Fontana contro queste esibizioni che scandalizzano adulti e bambini e per ristabilire la centralità della Famiglia naturale e il suo diritto a manifestare oltre che il rispetto del sentimento religioso, proibendo il passaggio del gay-pride davanti al Santuario, come dichiarato dagli organizzatori.

Fabrizio Verduchi

Condividi l'articolo

 



   

1 Commento per “Pompei, vietata manifestazione per la famiglia: “davanti al Santuario c’è il gay pride””

  1. Maria Rita Zucca

    Non è sotto controllo l’ordine pubblico perché davanti a un luogo di culto è normale che ci siano i parrocchiani e non i gay ( non so bacchettona ma il territorio deve essere a disposizione delle famiglie ) LA NONNINA

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal


FIGO - Free Intelligent Go

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -