Bologna: donna segregata a ridotta a pesare 39 chili, archiviazione per l’aguzzino

Momenti di tensione dalle ore 10 circa di questa mattina davanti alla Procura di Bologna, dove una coppia si è incatenata. Sul posto sono dovuti intervenire i carabinieri, che hanno avvicinato i due per cercare di capire le motivazioni dell’azione di protesta e riportare la calma.

Si tratta di un uomo e una donna italiani. Dalle prime informazioni acquisite, i due coniugi chiedono ‘verità’ per la figlia, che – dopo aver denunciato le violenze subite dal marito – si è vista archiviare il caso. Ora i genitori, preoccupati per la salute della figlia, che avrebbe preso male la decisione del tribunale, chiedono che si faccia ‘giustizia’ .

Sul luogo, oltre ai carabinieri, sono presenti anche gli uomini dell’esercito, che presidiano quotidianamente la zona. I militari supportano nell’operazione i carabinieri, tenendo lontani i curiosi che si sono accalcati nei pressi.

Protesta davanti alla Procura, coniugi incatenati chiedono ‘giustizia’

Sono anni che denunciamo per maltrattamenti fisici e psichici il marito di nostra figlia. Lei non vive più. Pesa 40 kg, è stata seppellita viva“. Così lo sfogo della madre, nel ripercorrere il dolore della propria figlia per le presunte violenze subite durante il proprio matrimonio.

www.bolognatoday.it

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -