Padova: italiani pagano il pizzo per essere lasciati in pace dagli spacciatori

Padova, nel quartiere in mano ai “migranti” la tranquillità si paga. Siamo in via Cairoli, a due passi dalla stazione.

Da anni – scrive il Gazzettino –  chi vive qui protesta per il degrado e l’invasione straniera: questa via, una piccola laterale di Corso del Popolo, ne è diventata il simbolo. Percorriamo questi 160 metri alle sette di sera, quando i residenti rientrano a casa e i pendolari si dirigono a passo spedito verso la stazione. Via Cairoli è a 200 metri dal primo binario e a 600 metri dalla Cappella degli Scrovegni, ma sembra davvero un mondo isolato.

Basta incrociare i pochissimi padovani rimasti qui, per avere il polso del malumore. «Siamo attorniati da tanti spacciatori silenziosi, ma siamo anche ostaggio degli schiamazzi e della sporcizia dei loro clienti. Vengono qui a procurarsi la droga anche alla luce del sole. Come se fosse la cosa più normale del mondo».

L’ingegner Marco Trevisan, 45 anni, vive da sempre al centro della via. Sul terrazzo ha issato una grande bandiera italiana, e ora un tricolore compare anche sul campanello. «La droga è un grosso problema qua. Abbiamo dovuto pagare una sorta di mancia ad uno di questi personaggi per assicurarci una maggior tranquillità. In un anno gli abbiamo versato alcune migliaia di euro: mi vergogno a dirlo ma mi sono trovato costretto»…



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -