Migrante ucciso: fermato l’uomo sospettato. Vendetta per i continui furti

Condividi

 

E’ stato sottoposto a fermo Antonio Pontoriero, il 43enne di San Calogero già indagato per l’omicidio di Soumayla Sacko, il 39enne del Mali – attivista sindacalista – ucciso sabato sera nel paese vibonese mentre, con due connazionali, stava prendendo delle lamiere in una specie di discarica di rifiuti tossici, la ex fornace ‘La tranquilla’, zona posta sotto sequestro e mai bonificata. (quindi, il migrante avrebbe anche violato i sigilli).

Pesanti gli indizi a carico di Pontoriero. Gli inquirenti, nel timore di una possibile fuga, non hanno atteso neanche l’esito dell’esame dello stub per rilevare tracce di polvere da sparo sulle mani e sugli abiti dell’indagato che si trova in carcere.

 

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi


ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -