L’ultimo regalo di Alfano all’Oim (ONU): un milione di euro

Un milione di euro per sostenere le attività di assistenza umanitaria prestate dall’Organizzazione internazionale per le migrazioni nelle province afghane di Herat e Nimroz, al confine con l’Iran: è questo il contributo deciso dalla Farnesina per far fronte all’afflusso di oltre 285mila profughi senza documenti rientrati negli ultimi cinque mesi dall’Iran, circa 150mila in più rispetto allo stesso periodo del 2017.

“Molti – riferisce l’ambasciatore italiano a Kabul Roberto Cantone – versano in condizioni di estrema povertà e necessitano di assistenza, protezione e sostegno per la loro reintegrazione. Tra di loro vi sono persone che hanno subito abusi e i cui diritti non sono stati rispettati”.

Il contributo italiano servirà all’Oim per realizzare un nuovo centro di transito nella provincia di Nimroz che migliori lo screening e le procedure di registrazione al confine, dove opera con il dipartimento locale per i rifugiati e con UNHCR, WFP, WHO, UNICEF, UNFPA, Relief international e il Norwegian Refugee Council.

Le migrazioni di massa e l’ente miliardario che le “promuove” (Oim)

Oim (ONU): l’immigrazione è inevitabile, desiderabile e necessaria

Grazie a questo aiuto sarà inoltre possibile formare personale sanitario per fornire supporto psicosociale, oltre che servizi specialistici, per 200 rimpatriati particolarmente vulnerabili. Saranno poi realizzati studi di monitoraggio nei centri di frontiera più importanti per la tracciabilità degli sfollati. I dati raccolti saranno condivisi con i partner internazionali per fornire dati sempre più accurati per migliorare la risposta umanitaria. Secondo l’OIM, circa il 30 % dei rimpatriati richiede interventi umanitari salva-vita, ma per mancanza di fondi quest’assistenza può essere offerta solamente al 7%.

Il forte afflusso di rifugiati è in parte dovuto alla crisi economica in Iran ed in parte all’aggravarsi delle condizioni di sicurezza nel paese che ha provocato un forte aumento degli sfollati che lasciano le zone più pericolose.



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -