Sudan: un milione di firme per salvare la sposa bambina condannata a morte

ROMA, 31 MAG – Una delegazione di Italians for Darfur, guidata dalla presidente Antonella Napoli, con alcuni parlamentari del Movimento 5 stelle, hanno consegnato all’ambasciata del Sudan a Roma un milione e 195 mila firme per chiedere la liberazione di Noura Hussein, sposa bambina stuprata dal marito e condannata a morte per averlo ucciso.

Prendendo la parola durante l’incontro con il vice ambasciatore, il ministro plenipotenziario Muawia Eltoum Elamin Elbukhari, Napoli ha sollecitato le autorità sudanesi a garantire a Noura un processo d’appello equo che tenga conto di tutte le circostanze attenuanti della legittima difesa. La presidente di Italians for Darfur ha anche auspicato che siano ascoltate le voci di diverse organizzazioni sudanesi per i diritti delle donne, che da anni si prodigano per cambiare la legge sullo status personale del Sudan, compresa l’età del matrimonio. La legge sudanese consente, infatti, ai minori di poter contrarre matrimonio già dai 10 anni. ansa

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -