Militante di Lotta Continua condannato per omicidio diventa presentatore RAI

Nel 1976 fu accusato dell’uccisione di una ragazza di 24 anni, trovata nel suo appartamento a Padova con 59 coltellate. Oggi, a distanza di 42 anni, ottiene un contratto con la Rai: dovrà raccontare la vita del serial killer, in Real criminal minds, un programma su Rai 4 che prenderà il via il prossimo 18 maggio. Massimo Carlotto, ex militante di Lotta Continua, presenterà i 24 episodi con una breve introduzione personale per raccontare la vita dell’omicida che ha ispirato la puntata. Per la famiglia di Margherita Magello, la ragazza uccisa, si tratta di un affronto, un vero e proprio schiaffo alla memoria della 24enne.

Una vicenda complessa

Carlotto fu accusato dell’omicidio di Margherita. La ragazza venne rinvenuta ormai priva di vita, seminuda e con 59 coltellate. Quando si rese conto di essere con le spalle al muro l’allora militante di Lotta Continua si diede alla latitanza. Fece perdere le proprie tracce, scappando prima in Francia e poi in Spagna e Messico. Molti intellettuali di sinistra si schierarono a difesa dell’uomo, ma ciò non servi a salvarlo dal carcere. Carlotto venne estradato dal Messico, procedura che richiese appena 3 anni, e una volta giunto in Italia venne condannato a 18 anni di carcere. Grazie al presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro, nel 1993 (dopo appena 6 anni di pena) venne graziato e liberato: le sue condizioni di salute erano incompatibili con il carcere. Inutile l’opposizione dei parenti della vittima, la grazia estinse la pena, anche se per la giustizia italiana Carlotto resta colpevole di omicidio.

Una decisione che fa male ai parenti di Margherita

“Esiste un diritto all’oblio – ribadisce Matteo Sacchi sulle pagine de Il Giornale -, esiste anche l’ovvio diritto a rifarsi una vita. Ma esistono anche i parenti delle vittime. Quelli di Margherita Magello spesso hanno vissuto male l’enorme spazio mediatico dedicato a Carlotto”. E la Rai non ha fatto altro che trattare la questione come un affare, andando oltre ai sentimenti. Certo, la Rai avrebbe potuto selezionare un altro commentatore, optando magari per un presentatore che non si è macchiato di crimini efferati, ma così non è stato. La televisione di Stato ha deciso di considerare il candidato per la conduzione di Real criminal minds come un investimento, e poco importa – evidentemente – se ci saranno i parenti di Margherita che grazie a questa scelta rivivranno nuovamente la sofferenza di quel drammatico omicidio.

http://notizie.tiscali.it

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -