Prato: Premio Mediterraneo di Pace a chi aiuta i clandestini

Condividi

 

PRATO – I migranti “sono dei sopravvissuti che si avventurano nelle nostre montagne, dopo aver attraversato il deserto e i mari nei quali molti hanno perso la vita e altri sono stati salvati da marinai”, mentre gli abitanti delle montagne “sanno che non si abbandona mai qualcuno in difficoltà”. Con queste parole la guida alpina francese, Benoit Ducos, insieme ai volontari Anne Moutte e Pierre Mumber della associazione Tous Migrants, hanno accolto il premio Mediterraneo di Pace, conferito al Festival Mediterraneo Downtown di Prato.

Benoit Ducos è la guida alpina indagata dalla magistratura transalpina per aver soccorso, il 17 marzo scorso, una famiglia di migranti al confine tra l’Italia e la Francia. E per aver trasportato la donna incinta a bordo della propria auto all’ospedale più vicino. Per questo è stato indagato per favoreggiamento all’immigrazione clandestina.

La consegna del premio al Teatro Metastasio di Prato.

A organizzare il festival Cospe onlus, Regione Toscana, Comune di Prato e i partner promotori, Libera, Amnesty International Italia e Legambiente. (ANSAmed).

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -