Georgiano sale sull’altare della Patria: “Voglio parlare con Dio”

Condividi

 

ROMA – Ha scavalcato la recinzione dell’altare della Patria. Poi, la corsa verso il sacello del milite ignoto, non prima di essersi aperto la giacca ed aver cominciato ad urlare: “Voglio parlare con Dio, voglio parlare con Dio”.

A far scattare l’allarme un 22enne georgiano, bloccato immediatamente dai soldati dell’esercito impegnati al Vittoriano nell’operazione strade sicure. Affidato alla Polizia, l’uomo è stato identicato e denunciato a piede libero.

I fatti venerdì sera alle 21.30 a piazza Venezia. L’uomo, secondo quanto si apprende con disturbi psichici e alterato dall’assunzione di alcol, dopo aver scavalcato la recinzione dell’altare della patria è stato immobilizzato a terra, sulla prima scalinata del monumento, da uno dei soldati dell’esercito a guida del comando brigatieri granatieri di Sardegna. Prima aveva urlato frasi sconclusionato, invocando un dialogo con Dio.

www.romatoday.it

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -