Pedofilo torna libero e abusa di 2 bambine. Giudici: ‘il carcere non serve’

MILANO, 3 APR – Il carcere “sul piano rieducativo” non ha prodotto alcun “effetto” e tenuto conto della “sistematica ricaduta nel comportamento illecito”, connessa ad “un disturbo della sessualità non controllabile“, al detenuto serve anche un percorso di cure per limitare le “pulsioni sessuali”.

Con queste motivazioni, per la prima volta a Milano, la Sezione misure di prevenzione del Tribunale ha disposto una “ingiunzione terapeutica” per un pedofilo che venne arrestato nel 2004 per una violenza ai danni di una bambina, condannato e poi, tornato libero, di nuovo arrestato per abusi su altre due bimbe. Il collegio, presieduto da Fabio Roia, dando anche atto del “consenso” manifestato dall’uomo, rinchiuso nel carcere di Pavia, difeso dal legale Attilio Villa e anche affetto da un “ritardo mentale”, gli ha ordinato di contattare “immediatamente” il Cipm (Centro italiano per la promozione della mediazione) del criminologo Paolo Giulini per un programma “clinico-terapeutico”. (ANSA)



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -