Bande dell’Est e rapine violente, “nessuno è piu’ sicuro in casa sua”

SEQUESTRATI IN CASA DA UNA BANDA DI BANDITI

"Nessuno di noi può dirsi tranquillo né sicuro a casa propria", dice quest'uomo, sequestrato con quattro adolescenti nella sua abitazione e immobilizzato con fascette di plastica ai polsi.Quanto resterebbero in carcere i banditi, semmai fossero arrestati? O saprebbero che la pena verrebbe "scontata" da attenuanti e permessi? Serve, ed è una priorità per il nuovo Governo, una vera riforma della Giustizia: basta abbuoni nello scontare le condanne, più uomini e mezzi alle forze dell'ordine, e una riforma della legittima difesa che consenta a chi è minacciato in casa propria di difendersi senza finire indagato.Siete d'accordo?

Geplaatst door Luca Zaia op maandag 19 maart 2018

 

“Nessuno di noi può dirsi tranquillo né sicuro a casa propria”, dice quest’uomo, sequestrato con quattro adolescenti nella sua abitazione e immobilizzato con fascette di plastica ai polsi.
Quanto resterebbero in carcere i banditi, semmai fossero arrestati? O saprebbero che la pena verrebbe “scontata” da attenuanti e permessi? Serve, ed è una priorità per il nuovo Governo, una vera riforma della Giustizia: basta abbuoni nello scontare le condanne, più uomini e mezzi alle forze dell’ordine, e una riforma della legittima difesa che consenta a chi è minacciato in casa propria di difendersi senza finire indagato.

Lo scrive Luca Zaia su Facebook

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal


FIGO - Free Intelligent Go

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -