Bande dell’Est e rapine violente, “nessuno è piu’ sicuro in casa sua”

Condividi

 

SEQUESTRATI IN CASA DA UNA BANDA DI BANDITI

"Nessuno di noi può dirsi tranquillo né sicuro a casa propria", dice quest'uomo, sequestrato con quattro adolescenti nella sua abitazione e immobilizzato con fascette di plastica ai polsi.Quanto resterebbero in carcere i banditi, semmai fossero arrestati? O saprebbero che la pena verrebbe "scontata" da attenuanti e permessi? Serve, ed è una priorità per il nuovo Governo, una vera riforma della Giustizia: basta abbuoni nello scontare le condanne, più uomini e mezzi alle forze dell'ordine, e una riforma della legittima difesa che consenta a chi è minacciato in casa propria di difendersi senza finire indagato.Siete d'accordo?

Geplaatst door Luca Zaia op maandag 19 maart 2018

 

“Nessuno di noi può dirsi tranquillo né sicuro a casa propria”, dice quest’uomo, sequestrato con quattro adolescenti nella sua abitazione e immobilizzato con fascette di plastica ai polsi.
Quanto resterebbero in carcere i banditi, semmai fossero arrestati? O saprebbero che la pena verrebbe “scontata” da attenuanti e permessi? Serve, ed è una priorità per il nuovo Governo, una vera riforma della Giustizia: basta abbuoni nello scontare le condanne, più uomini e mezzi alle forze dell’ordine, e una riforma della legittima difesa che consenta a chi è minacciato in casa propria di difendersi senza finire indagato.

Lo scrive Luca Zaia su Facebook

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -