Fine della trattativa, Embraco delocalizza: 500 licenziamenti

Condividi

 

Embraco ha detto no all’ipotesi di mettere in Cigs i circa 500 lavoratori dello stabilimento di Riva di Chieri. Finisce così la trattativa al ministero dello Sviluppo Economico. Il ministro Carlo Calenda ha puntato il dito contro l’Embraco spiegando: “Si conferma un atteggiamento di totale irresponsabilità. Non ricevo più questa gente e neanche i loro consulenti italiani che sono peggio di loro”.

Calenda ha spiegato di aver “sentito i legali dell’azienda”, insieme al presidente della Regione Piemonte, Sergio Chiamparino, “offrendogli tutto il sostegno possibile” per avviare un percorso di cassa integrazione e poi di reindustrializzazione. “L’azienda – ha detto Calenda – ha comunque risposto negativamente”. Il ministro ha rilevato una “totale mancanza di attenzione al valore delle persone “da parte della multinazionale sottolineando di trovarsi “di fronte ad uno dei peggiori casi” di crisi aziendale.



Embraco “ha dimostrato una totale irresponsabilità verso i lavoratori e verso il governo” e “non si comprendono le ragioni di questo atteggiamento”. Ora “attiveremo un percorso con Invitalia” per cercare una soluzione al più presto.

Calenda ha confermato che domani sarà a Bruxelles per incontrare la commissaria alla concorrenza Margrethe Vestager proprio sulla vicenda Embraco e sul regime di agevolazioni fiscali applicato dalla Slovacchia alle imprese straniere.

Il gruppo brasiliano, che fa parte della Whirlpool, ha avanzato la proposta di mettere i lavoratori in part time fino a novembre. ASKANEWS



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -