Molestie: da 124 donne del cinema italiano parte ‘Dissenso Comune’

Da Ambra Angiolini, Isabella Ferrari a Paola Cortellesi, da Sabrina Impacciatore alle sorelle Comencini e Rohrwacher 124 attrici e lavoratrici dello spettacolo hanno firmato una lettera manifesto firmata Dissenso comune, ospitata su Repubblica.it, che parte dal caso Weinstein sulle molestie sessuali.

“Due mesi di incontri e confronti tra un gruppo sempre più largo di donne, per intervenire con la forza di un collettivo e non lasciare – scrivono – che le testimonianze dei mesi scorsi restassero solo voci isolate. Il primo passo verso una serie di iniziative per cambiare il sistema, non solo nel mondo dello spettacolo:

“Unite per una riscrittura degli spazi di lavoro e per una società che rifletta un nuovo equilibrio tra donne e uomini”.

Le firmatarie scrivono “Non è la gogna mediatica che ci interessa. Il nostro non è e non sarà mai un discorso moralista. La molestia sessuale non ha niente a che fare con il “gioco della seduzione”. Noi conosciamo il nostro piacere, il confine tra desiderio e abuso, libertà e violenza”. Un testo, si legge alla fine della lettera, “che non vuole puntare il dito contro un singolo ‘molestatore’ ma l’intero sistema di potere”. ANSA

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -