Fa scendere dal treno un nigeriano senza biglietto, capotreno condannato

Fece scendere il viaggiatore che non aveva esibito il biglietto: il capotreno è stato condannato per violenza privata ed è nei guai per abuso d’ufficio.

Come scrive il Mattino, è un incubo quello che sta vivendo il ferroviere Andrea Favaretto, 51 anni, nato a Treviso e residente nel Padovano, a Selvazzano. La vicenda risale al 12 novembre 2014 e è avvenuta alla stazione bellunese di Santa Giustina. Lì ci fu il diverbio tra il controllore e un viaggiatore, il cittadino nigeriano Anyanwu Festus Amaechi, che all’epoca era residente a Cadoneghe (Padova), ma che ora non vive più in Italia, perché è stato espulso. Quel giorno il treno, alla fine, riportò un maxi-ritardo, con disagi per tutti i passeggeri, proprio per quell’episodio.

Tutto inizia quando il capotreno si avvicina al nigeriano chiedendogli di esibire il biglietto: lo straniero è al telefono e fa cenno di attendere. Favaretto, che era stato avvertito da un collega del passeggero con biglietto irregolare, insiste, ma nulla. Come da regolamento, il capotreno, quando il treno si ferma in stazione fa scendere il passeggero e gli prende le borse e gli altri effetti e gliele appoggia sul binario, finendo nei guai per violenza privata. Ma la situazione si complica: il passeggero nigeriano estrae un biglietto validato alle 20.10. Il treno però è partito alle 20.06 e i conti non tornano.

Condividi l'articolo

 



   

1 Commento per “Fa scendere dal treno un nigeriano senza biglietto, capotreno condannato”

  1. Impossibile perseguire i “profughi” e i giudici.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -