Proteste a Esino, il “profugo” è ricercato in Gambia per omicidio

Lecco, 15 gennaio 2018 – «Sono scappato in Italia dal Gambia perché ho ucciso una persona in un incidente d’auto, in Gambia mi avrebbero messo in prigione a vita e qualcuno avrebbe anche potuto uccidermi».

Come scrive il Giorno, è questa la dichiarazione di Jiobe Aboubakar, (falso) richiedente asilo che è ospitato all’ex albergo “La montanina” di Esino Lario mentre spiega i motivi che l’hanno spinto a partecipare alla manifestazione di protesta per chiedere di avere la residenza in paese. Una dichiarazione che ha colpito molto e che il sindaco Pietro Pensa stigmatizza:

«Non sapevo nulla di questa cosa, assolutamente niente. È una cosa grave, ma il fatto è che non ci viene data alcuna informazione sulle persone che arrivano. Non sappiamo da dove vengono e perché sono qui, non abbiamo notizie, in compenso dovremmo dare loro la residenza come agli altri cittadini di cui sappiamo tutto. Peraltro la manifestazione di protesta, non autorizzata, per chiedere la residenza non è stata anticipata da alcuna richiesta formale, solo incontri interlocutori in cui abbiamo fatto presente il punto di vista del Comune».

Ma il sindaco vuole andare in fondo alla questione del cittadino del Gambia e afferma:

«Indipendentemente dalla questione residenza, voglio informazioni precise su tutte le persone che sono qui, su chi va e chi viene. La Prefettura e i responsabili del centro di accoglienza non hanno sentito l’esigenza di comunicare al Comune che c’è una persona che scappa per omicidio stradale? Reato per cui anche in Italia si va in carcere peraltro. Io devo tutelare la popolazione di Esino. Qui non è una questione di politica ma di buon senso, è mai possibile che una persona dichiari tranquillamente per strada ai giornalisti che scappa per omicidio dal suo Paese e noi qui non ne sappiamo nulla? Roba da matti».

Nel video, le proteste dei “migranti” a Esino

🔴🔴 PAZZESCO !!I richiedenti asilo che manteniamo a Esino Lario, un comune in provincia di Lecco, hanno assediato gli uffici comunali e minacciato gli impiegati pretendendo la residenza.SI RIMANDINO A CASA LORO QUESTI IMMIGRATI SEMPRE PIENI DI PRETESE !!

Geplaatst door Stefano Borghesi op vrijdag 12 januari 2018



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -