UE: “preoccupati per l’aumento dello scetticismo sui vaccini in Italia”

Condividi

 

L’Italia è l’unico grande paese europeo ad avere l’obbligo di ben 12 vaccini. E l’ipocrita UE cosa fa? Invece di preoccuparsi dei Paesi dove i vaccini obbligatori non esistono, si preoccupa per l’Italia.

BRUXELLES – “Vogliamo sottolineare l’importanza dei programmi di vaccinazione nella protezione della salute pubblica. Ad oggi, la copertura vaccinale rimane elevata nell’Ue, tuttavia, siamo molto preoccupati per l’aumento dello scetticismo sui vaccini”. Così la portavoce della Commissione Ue per la Salute, Anca Paduraru all’ANSA, che pur non volendo commentare le dichiarazioni di Matteo Salvini, ribadisce la posizione dell’esecutivo Ue. “La vaccinazione è responsabilità degli Stati membri e delle loro autorità”.

“La Commissione è tuttavia impegnata a rafforzare il sostegno dell’Ue agli sforzi nazionali. Collaboreremo con gli Stati membri per sensibilizzare sull’importanza della vaccinazione e sulle possibili conseguenze della mancata vaccinazione – prosegue Paduraru -. Pertanto, in stretta cooperazione con gli Stati membri attraverso il comitato per la sicurezza sanitaria, che si occupa delle minacce sanitarie transfrontaliere nell’Ue, stiamo lavorando per coordinare la risposta, comprese le attività a sostegno dei loro sforzi in materia di vaccinazione e assistenza tecnica”.

La portavoce per la salute spiega che “ad esempio, possiamo promuovere la condivisione dei dati e lo scambio delle migliori pratiche, fornire supporto tecnico alle campagne nazionali di comunicazione sanitaria e persino agevolare strumenti e pareri scientifici”. ANSA Europa

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -