Qatar: in crescita le banche islamiche che rispettano la sharia

Condividi

 

DOHA – Continuano a crescere le banche islamiche del Qatar che ormai hanno raggiunto il 25% dell’intero settore finanziario dell’emirato e si posizionano al terzo posto fra gli istituti di credito che rispettano la Sharia a livello globale. A ricordarlo è stato il ministro delle Finanze del Qatar, Ali Shareef Al Emadi, intervenendo alla 4a Conferenza dedicata alla Finanza islamica organizzata a Doha.

”Lo Stato del Qatar – ha detto secondo quanto riporta l’agenzia di stampa QNA – ha saputo dimostrare la sua capacità di portare avanti il suo impegno in questo campo e di sapere adempiere a tutti i suoi impegni nei confronti di altri Paesi”.

Per far continuare a far crescere la finanza islamica, ha sottolineato, servono sforzi congiunti, una maggior cooperazione e un coordinamento nel settore del sistema bancario islamico, che ha ormai raggiunto forti tassi di crescita in tutto il mondo. Molti, infatti, ha ricordato, i Paesi che si sono rivolti alla finanza islamica. A questo riguardo, ha ricordato Al Emadi citando gli ultimi dati del Fondo Monetario Internazionale, il patrimonio delle banche islamiche è passato dai 200 miliardi di dollari del 2003 ai 1,9 trilioni di dollari nel 2016. Le ultime stime, ha concluso, rivelano che la finanza islamica rappresenta il 50 % dei servizi bancari nei Paesi del Consiglio di Cooperazione del Golfo, dove la maggior parte dei cittadini preferisce servizi bancari conformi alla Sharia. ANSAMED

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -