Ecco che cosa ci aspetta in Niger. E il governo non vuole che si sappia

Ecco che cosa ci aspetta in Niger che il governo Gentiloni-Pinotti in salsa Macron non vogliono che si sappia. I veri rischi oltre gli interessi francesi sull’uranio del Niger

di Nicola Evoli

Cartelli della droga colombiani e messicani hanno saltato l’Oceano Atlantico e si sono espansi nell’Africa occidentale, lavorando a stretto contatto con le bande criminali locali per ritagliarsi un’area di sosta per un assalto al redditizio mercato europeo.

L’Africa occidentale sta facendo appello ai narcotrafficanti dall’America Latina.

La situazione è diventata così fuori controllo che la piccola Guinea-Bissau, la quinta nazione più povera del mondo, è stata definita il primo stato-narco dell’Africa. Altri parlano di come la Gold Coast in Africa sia diventata la Costa della Coca. In tutto, dicono i funzionari, almeno nove importanti cartelli della droga latino-americani hanno stabilito basi in 11 nazioni dell’Africa occidentale.

Le stesse organizzazioni che investighiamo nel Centro e Sud America che sono coinvolte nell’attività della droga verso gli Stati Uniti sono impegnate in questo traffico in Africa occidentale“, ha dichiarato Russell Benson, direttore regionale dell’Agenzia per l’applicazione della droga per l’Europa e l’Africa. “Non c’è un paese che non sia stato toccato in una certa misura.

Il calcolo è semplice: maggiori profitti in Europa che negli Stati Uniti, meno forze dell’ordine in Africa occidentale che in Europa.

La forza trainante è il boom del mercato europeo della cocaina.

L’aumento esponenziale del numero di consumatori ha reso l’Europa il mercato in più rapida crescita e più redditizio del mondo“, ha dichiarato Bruce Bagley, preside della Graduate School of International Studies presso l’Università di Miami.

Mentre il mercato europeo si è espanso, l’uso negli Stati Uniti è diminuito rispetto al picco degli anni ’80, ha dichiarato l’Ufficio U.N. di droga e criminalità nel suo rapporto annuale.

La guerra alla droga viene combattuta nelle foreste nigeriane

“La prevalenza di uso di cocaina negli Stati Uniti è inferiore del 50% rispetto a vent’anni fa, mentre Spagna, Italia, Portogallo, Francia e Regno Unito hanno visto il doppio o il triplo uso di cocaina negli ultimi anni”, afferma il rapporto U.N.

Ogni anno vengono prodotte circa 1.000 tonnellate di cocaina pura, quasi il 60 percento delle quali sfugge all’intercettazione delle forze dell’ordine e lo immette sul mercato, afferma il rapporto. Quello è un mercato globale all’ingrosso di circa $ 70 miliardi.

Il traffico criminale di circa 250 tonnellate in Europa ogni anno, anche se non tutto lo rende lì, ha detto l’U.N. Il mercato europeo ammonta a circa $ 11 miliardi. Circa il 27% della cocaina entrata in Europa nel 2006 proveniva dall’Africa, hanno riferito le Nazioni Unite.

I profitti enormi rendono l’Europa particolarmente attraente. Due chili di cocaina non tagliata possono vendersi per $ 22.000 negli Stati Uniti, ma per $ 45.000 in Europa. Il Dipartimento di Giustizia ha affermato che il prezzo in Europa può essere tre volte maggiore rispetto agli Stati Uniti.

“È un mercato significativo da sfruttare per loro”, ha detto Benson.

Un euro forte e un dollaro più debole rendono anche l’Europa attraente per i trafficanti a causa dei tassi di cambio favorevoli. C’è anche il fatto che l’Unione Europea ha ancora in corso una banconota da 500 euro, attualmente equivalente a circa $ 700. La più grande denominazione del dollaro in circolazione è la banconota da $ 100. I trafficanti preferiscono le banconote in euro grandi perché sono più facili da trasportare in grandi quantità.

Ad esempio, Benson ha detto che $ 1 milione in $ 100 pesa 22 pounds, mentre $ 1 milione in banconote da € 500 ne pesa 3,5. “È un’enorme differenza”, ha detto.

I colombiani e i cartelli messicani hanno scoperto che è molto più facile introdurre clandestinamente carichi di grandi dimensioni nell’Africa occidentale e poi suddividerli in piccole spedizioni verso il continente, principalmente in Spagna, nel Regno Unito e in Francia.

L’Africa occidentale è il sogno di un contrabbandiere, che soffre di una combinazione di fattori che rendono l’area particolarmente vulnerabile. È tra le regioni più povere e meno stabili del mondo. I governi sono deboli e inefficaci e, come capo il capo della DEA ha testimoniato all Senato degli Stati Uniti, i funzionari sono spesso corrotti. Anche le forze dell’ordine sono ampiamente corrotte. Le bande criminali dilagano. I soldati dei narcos possono essere reclutati da una grande folla di giovani poveri e disperati.

L’Africa occidentale fa riferimento a Benin, Burkina Faso, Capo Verde, Costa d’Avorio, Gambia, Ghana, Guinea, Guinea-Bissau, Liberia, Mali, Mauritania, Niger, Nigeria, Senegal, Sierra Leone e Togo.

Le autorità degli Stati Uniti si trovano in una posizione di grande svantaggio nel combattere i cartelli che hanno molto più denaro e armi. La DEA ha quattro uffici – in Egitto, Ghana, Nigeria e Sud Africa – per coprire un continente che si estende per 11,7 milioni di miglia quadrate e ha circa 1 miliardo di persone.

“È un posto grande”, riconosce Benson, sottolineando che ci sono 54 paesi nel continente.

Anche la polizia locale è ampiamente sotto controllo. La Guinea-Bissau offre un esempio allarmante.

“La polizia giudiziaria … ha 60 agenti, un veicolo e spesso senza carburante”, ha scritto l’analista Bybee in un giornale chiamato New Voices in Public Policy, pubblicato dalla George Mason University School of Public Policy. “Di conseguenza, quando i colpevoli vengono arrestati, vengono portati in un taxi alla stazione di polizia. Nell’esercito, una nave arrugginita pattuglia i 350 chilometri (217 miglia) di costa e 88 isole. ”

Anche quando i criminali vengono catturati, Bybee ha detto che “la quasi assenza di un sistema giudiziario consente ai trafficanti di operare senza impedimenti“. Ad esempio, ha detto, “poiché la polizia è così impotente, i colpevoli sono spesso trattenuti solo poche ore prima che i militari di alto grado raggiungano improvvisamente poteri giudiziari straordinari per chiedere il loro rilascio”.

I pochi funzionari che si oppongono ai trafficanti ricevono minacce di morte o vengono uccisi.

L’Africa occidentale è anche particolarmente attraente per i trafficanti perché è vicina “al ventre molle dell’Europa”, ha detto il generale dell’esercito a quattro stelle in pensione Barry McCaffrey, che è stato direttore delle politiche antidroga del presidente Clinton.

La geografia gioca un altro ruolo perché l’Africa occidentale è abbastanza vicina alle tre nazioni sudamericane che producono quasi tutta la cocaina del mondo: Colombia, Perù e Bolivia. Molte delle spedizioni partono dal Venezuela, che condivide un confine poroso di 1.273 miglia (2.050 chilometri) con la Colombia ed è ancora più vicino all’Africa.

La maggior parte delle spedizioni di cocaina attraversano l’Atlantico in grandi “navi madri” e poi vengono scaricate su piccole navi vicino alla costa, hanno riferito le Nazioni Unite. Sono stati utilizzati anche piccoli aerei modificati per il volo all’estero che possono trasportare un carico di 1 tonnellata.

I trafficanti utilizzano le barche veloci, i pescherecci e i container commerciali come mezzo principale per contrabbandare la cocaina dal Venezuela. McCaffrey ha anche notato l’uso di barche e aerei speciali.

L’amministratore delegato della DEA Thomas Harrigan ha testimoniato davanti al Senato a giugno che le autorità della Sierra Leone hanno sequestrato una spedizione di cocaina l’anno scorso da un aereo bimotore contrassegnato da una croce rossa. Il volo era originato in Venezuela.

Il rapporto del GAO ha osservato che “i funzionari del governo degli Stati Uniti hanno osservato un aumento del traffico aereo sospetto proveniente dal Venezuela”. Nel 2004, secondo il rapporto, le autorità monitoravano 109 voli sospetti dal Venezuela. Nel 2007, i funzionari monitorarono 178 voli sospetti.

Poi c’è la connessione criminale in Africa occidentale.

“I trafficanti colombiani e venezuelani sono trincerati nell’Africa occidentale e hanno coltivato rapporti di lunga data con le reti criminali africane per facilitare le loro attività nella regione”

“Queste organizzazioni non operano nel vuoto”, ha detto Benson. “Devono allinearsi con i gruppi criminali dell’Africa occidentale”.

Anche i cartelli si sono allineati con i terroristi, ha detto Harrigan.

“La minaccia del narcoterrorismo in Africa è una vera preoccupazione, inclusa la presenza di organizzazioni terroristiche internazionali che operano o basate in Africa, come la minaccia regionale presentata da al Qaeda nelle Terre del Maghreb”, ha detto riferendosi ad al Qaeda attivisti in Nord Africa. “Inoltre, le indagini della DEA hanno identificato elementi delle Fuerzas Armadas Revolucionarias de Colombia [FARC] della Colombia come coinvolte nel traffico di cocaina nell’Africa occidentale”.

Benson ha detto che i gruppi che operano in Africa sono “principalmente organizzazioni di narcos” ma hanno riconosciuto che i guerriglieri delle FARC marxiste in Colombia sono una forza da affrontare. I ribelli hanno fatto guerra al governo colombiano per oltre 40 anni.

“Il potenziale di profitto è tale che le FARC sono una delle più grandi organizzazioni nel traffico di cocaina a livello globale ed è anche un’organizzazione terroristica”, ha affermato.

Bagley e McCaffrey vedono meno prove di connessioni terroristiche con i trafficanti in Africa, usando entrambi un linguaggio quasi identico. “Sarei molto scettico su questo tipo di affermazioni”, ha detto McCaffrey.

“Sono piuttosto scettico sui legami tra cartelli e terroristi”, ha detto Bagley. “I gruppi criminali cercano profitti, non sono interessati a conquistare i governi”. Eppure, ha detto Bagley, i trafficanti e i terroristi potrebbero utilizzare alcune delle stesse reti criminali.

Gli analisti osservano che l’ondata di attività dei cartelli nell’Africa occidentale è uno sviluppo abbastanza recente. Il rapporto U.N. dice che è iniziato intorno al 2005.

McCaffrey, che era alla Casa Bianca di Clinton negli anni ’90, disse di aver visto il problema arrivare molto tempo fa.

“Ho avvertito le persone in Europa e in America Latina a partire da 10 anni fa, dove questo problema si sarebbe trasferito”, ha detto. “Gli europei non mi hanno assolutamente creduto .”

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Circa 500 uomini, prelevantemente del Genio Militare andranno in Niger. Lo hanno deciso il tandem Pinotti-Gentiloni su istruzioni del ‘padrino’ Macron che prende istruzioni a sua volta dalla finanza europea. In Niger non esiste un vero esercito. Hanno solo 12000 effettivi e 50000 riservisti a fronte di una popolazione che potenzialmente in armi potrebbe essere di 1,155,000. Dunque che andiamo ad addestrare? Bugie. Andiamo a fare da gendarmi con copertura aerea francese e senza intelligence di prima mano. Senza alcuna regola di ingaggio.

Potenzialmente potrebbero esserci 200,000 guerriglieri che ci verranno incontro ma per farci una festa che pero’ non sara’ gradita. Ci fidiamo dei francesi? Loro hanno interessi enormi: sapevate che la Francia dipende TOTALMENTE dal Niger per le sue importazioni di URANIO per le sue centrali? Ovviamente questo non ce/ve lo dicono. Loro non hanno intenzione di andarci in Niger perche’ hanno gia’ patate bollenti in Mali.

I Francesi hanno in corso l’Operation Barkhane che interessa tutta la regione del Sahel region: iniziata il 1 Agosto 2014 con HQ nel Chad. In tutto 3,000 uomini sparsi in un territorio enorme, in pratica una presenza coloniale simbolica. Burkina Faso, Chad, Mali, Mauritania and Niger. La loro logistica e’ allo stremo e i trasporti militari aerei sono assicurati dai cargo inglesi e charter Moldavi che hanno enormi Antonov.

Gli americani hanno una base di droni efficientissima ma i piloti sono a Las Vegas, lo staff sul terreno e’ di circa 120 uomini a fronte del service e della sicurezza. Noi invece manderemo 500 genieri. Per essere provocatore, accetterei l’idea se andassimo a collocare mine a 360 gradi e avere varchi controllati, ma so che sarei tacciato per guerrafondaio. Allora tenetevi le bugie sui pretesti umanitari. Balle. Sconvolgente vedere alti ufficiali dello SM Italiano cosi’ accondiscendenti a far morire inutilmente i propri uomini, Come sul fronte del Carso.

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -