Arcivescovo Nosiglia: allargare i confini di famiglia, patria e cultura

TORINO, 25 DIC – “Gesù è venuto a insegnarci una via migliore: quella di allargare i confini della nostra casa, famiglia, patria e cultura a tutti coloro che lo desiderano, rompendo steccati consolidati e superando divisioni di ogni genere”.

Lo ha detto monsignor Cesare Nosiglia, arcivescovo di Torino, durante la messa della notte di Natate celebrata nel Duomo. “L’accoglienza – ha aggiunto – rappresenta ancora oggi uno dei gesti più difficili”.

Nosiglia ha spiegato che “la novità è Cristo, il figlio di Dio che nasce per noi, ma per accorgersene, e per sentire che lui sta bussando alla porta di casa, occorre non essere distratti, disattenti e preoccupati per altre cose, come lo sono stati gli abitanti di Betlemme, che gli hanno chiuso la porta delle loro case e del loro cuore”. (In realtà, gli abitanti di Betlemme non hanno chiuso niente. Semplicemente tutti gli alberghi erano pieni a causa del censimento)



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -