Minniti: nel 2018 un corridoio umanitario per 10mila “migranti”

Prima “abbiamo contenuto i flussi” di migranti e poi, in “soli sei mesi, abbiamo messo in piedi il primo corridoio umanitario della storia, dalla Libia a un Paese europeo”. Il ministro dell’Interno Marco Minniti illustra il progetto appena avviato per portare in Italia i profughi senza passare dai barconi. E annuncia: “Nel 2018 10mila persone arriveranno in Europa senza rischi”.

Nuovo modello migratorio – “Secondo gli obiettivi dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni – continua Minniti intervistato dalla “Repubblica” -, contemporaneamente saranno 30mila i migranti senza diritto all’asilo che rientreranno a casa con rimpatri volontari. Quest’anno lo hanno fatto in 18mila”. E rivendica un risultato importante: “Con la cooperazione delle autorità libiche, abbiamo costruito un nuovo modello di gestione dall’altra parte del Mediterraneo”.

Gli accordi con Tripoli, spiega il ministro, hanno permesso di individuare le persone che hanno diritto alla protezione internazionale. Chi arriva tramite i voli umanitari ha già il titolo di rifugiato e non di richiedente asilo. Intanto, le organizzazioni internazionali possono oggi visitare i centri d’accoglienza e “migliorarne le condizioni, oggi ancora inaccettabili”.

Per gli anziani italiani in difficoltà, nessun interesse.

Dalla rotta del mare a quella del cielo – Minniti precisa che era necessario chiudere prima la rotta del mare e poi aprire quella del cielo perché, spiega, “solo dopo aver posto uno stop all’illegalità dei flussi abbiamo potuto costruire percorsi legali per i migranti in Libia”. C’è stato quindi il controllo del confine marittimo e di quello terrestre a sud della Libia, con un contingente militare italiano in Niger. Inoltre, aggiunge, “con Al-Serraj abbiamo realizzato un’operazione room italo-libica contro il traffico di esseri umani, basata sulla collaborazione tra Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo e procura di Tripoli. A gennaio prevediamo infine il completamento di un intenso programma di aiuti umanitari già avviato verso le città libiche crocevia dei trafficanti”.

Il ministro ha messo la parola fine alla soluzione “emergenziale” del problema migratorio e sottolinea che, oltre al forte calo degli sbarchi, c’è “un’impennata dei ricollocamenti: quest’anno abbiamo trasferito in altri Paesi Ue oltre 11mila migranti, l’anno scorso eravamo fermi a quota 2.500”.

Sul fronte sicurezza, “abbiamo già espulso 103 persone con il rimpatrio per motivi di sicurezza nazionale e preso misure eccezionali di controllo del territorio. Per me sicurezza e libertà vanno tenute assieme”.

tgcom24.mediaset.it



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -