Austria: governo sostiene la revoca delle sanzioni alla Russia

In futuro il governo austriaco intende continuare a sostenere la revoca delle sanzioni anti-russe UE imposte a causa della situazione in Ucraina orientale, ha dichiarato il futuro governo di coalizione per gli anni 2017-2022.


In precedenza sabato i leader del Partito popolare austriaco e del Partito della libertà hanno presentato i loro candidati alle cariche dei capi dei ministeri e dei dipartimenti della repubblica. Si prevede che l’udienza si terrà lunedì 18 dicembre.

“L’Austria agisce attivamente al fine di costruire un accordo europeo in un momento di tensioni in particolare causate dal conflitto in Ucraina e dalle sanzioni, così come per risolvere il conflitto in Ucraina” ha detto in un documento pubblicato sul sito ufficiale del leader vincitore delle elezioni parlamentari anticipate del Partito popolare austriaco Sebastian Kurtz.

In precedenza, prima dell’inizio dei colloqui della coalizione nel mese di ottobre, il leader del Partito della Libertà austriaco, Heinz-Christian Strache, ha riferito in un’intervista con RIA Novosti che lui e i suoi sostenitori sono a favore di “ridurre le tensioni esistenti in Europa” e “l’Austria come paese neutrale vuole andare in questa direzione, trovare una soluzione per mitigare o rimuovere queste sanzioni “. Kurtz, dopo l’introduzione quest’estate di ulteriori misure restrittive statunitensi nei confronti delle compagnie russe che potrebbero interessare anche i partner austriaci, ha espresso dubbi sulla legittimità di una simile azione. Inoltre, ha ripetutamente affermato di sostenere la graduale revoca delle sanzioni dell’UE nei confronti della Russia in caso di attuazione degli accordi di Minsk.

Le relazioni UE-Russia si sono deteriorate a causa della situazione nel Donbass, dove Kiev ad aprile 2014 ha lanciato un’operazione militare contro le repubbliche popolari di Donetsk e Lughansk che hanno dichiarato la propria indipendenza dopo il colpo di stato in Ucraina nel febbraio 2014. Nel contesto di questo conflitto, l’UE ha introdotto misure restrittive economiche nei confronti della Russia nell’estate del 2014 e successivamente le ha ampliate. I leader degli stati membri dell’UE nel marzo 2015 hanno legato le sanzioni alla piena attuazione degli accordi di Minsk e le prorogano ogni sei mesi.

Dopo aver imposto restrizioni economiche da parte dell’UE, Mosca ha preso misure di rappresaglia e ha introdotto una strategia di sostituzione delle importazioni. La Russia ha ripetutamente affermato che non è parte degli accordi transattivi di Minsk e che le sanzioni sono controproducenti.

In precedenza Kiev aveva ripetutamente accusato Mosca di interferire negli affari dell’Ucraina. La Russia lo nega e definisce inaccettabili tali dichiarazioni. Mosca ha ripetutamente affermato che non è parte del conflitto interno ucraino ed è interessata al superamento della crisi politica ed economica da parte dell’Ucraina.

https://it.sputniknews.com

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -