Bolzano, Urzì: “La Provincia ristruttura casa a chi ospita i migranti”

BOLZANO: URZI’ (AANC-FDI), PROVINCIA RISTRUTTURA CASA A CHI ACCOGLIE PROFUGHI

“Hai una casa sfitta a Bolzano o un piccolo hotel da ristrutturare? Nessun problema. Basta destinarlo per qualche mese all’accoglienza di profughi richiedenti asilo per ottenere dalla Provincia la strada spianata sul fronte amministrativo per i permessi edilizi e su quello economico, sotto forma di sostegno alla spesa per la ristrutturazione del proprio edificio”.



La denuncia arriva da Alessandro Urzì, consigliere della provincia di Bolzano e della regione Trentino Alto Adige con il movimento L’Alto Adige nel Cuore Fratelli d’Italia, che commenta così le disposizioni collegate alla legge di stabilità 2018, attraverso il disegno di legge provinciale n. 146/17 votate giovedì sera in consigli provinciale.

“A far discutere – spiega il rappresentante del centrodestra altoatesino – è soprattutto la norma che autorizza il presidente della giunta provinciale a ignorare l’obbligo di concessioni edilizie o ogni altro obbligo di legge per la ristrutturazione di proprietà anche private da destinare a centri di accoglienza per richiedenti asilo”. Ma non solo, prosegue Urzì: “la Provincia si impegna a rimettere a nuovo queste proprietà a spese dell’erario pubblico, con piena soddisfazione dei proprietari che, oltre a potere contare su un affitto, alla fine del periodo di concessione si ritroveranno il rudere, il maso, l’appartamento o la pensione cadente rimessa a nuovo. Un affare d’oro. A spese dei contribuenti“.

AFFARI D'ORO CON I RICHIEDENTI ASILO

Hai una casa sfitta da ristrutturare, un piccolo hotel o una pensione in crisi? Nessun problema, la Provincia di Bolzano ristruttura tutto gratuitamente e ti paga anche l’affitto. Dopo qualche mese il bene ti torna in pieno possesso ma come nuovo: paga il contribuente, affari garantiti.E su tutto decide una persona sola: il Presidente della Provincia

Geplaatst door Alessandro Urzì op donderdag 14 december 2017

“Nell’articolo 8 del dispositivo si legge, infatti, che la norma “autorizza l’utilizzo, anche mediante trasformazione d’uso, con o senza interventi edilizi, di edifici o di prefabbricati di proprietà provinciale come strutture di accoglienza per richiedenti protezione internazionale nell’ambito del sistema nazionale di accoglienza, indipendentemente dalla destinazione urbanistica della zona interessata e in deroga alla normativa vigente in materia urbanistica. Quello di Bolzano è un caso unico in Italia, un’occasione di business sui richiedenti asilo nemmeno mascherato e che premierà pochi beneficiati con un cortocircuito di interessi a dir poco sospetto”, conclude Urzì.

Lo comunica in una nota l’ufficio stampa di Alessandro Urzì, consigliere della provincia di Bolzano e della regione Trentino Alto Adige con il movimento L’Alto Adige nel Cuore Fratelli d’Italia.



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -