Corte UE condanna l’Italia: non ha riconosciuto coppie gay sposate all’estero

La Corte europea dei diritti dell’uomo ha condannato oggi l’Italia per essersi rifiutata di riconoscere sei coppie omosessuali sposate all’estero prima dell’entrata in vigore nel 2016 della legge sulle unioni civili delle coppie dello stesso sesso.

Nella sentenza “Orlandi e altri contro l’Italia”, la Corte ha condannato Roma per aver violato i diritti delle ricorrenti, 11 italiani e un canadese. Le sei coppie hanno denunciato di “non essere state in grado di far riconoscere il loro matrimonio in nessuna forma come unione in Italia”. Le sei coppie si sono sposate prima dell’entrata in vigore della legge sulle unioni civili delle coppie omosessuali, adottata nel maggio 2016. Al loro rientro in Italia avevano tentato, invano, di far registrare le nozze, prima di ricorrere alla Corte europea nell’aprile del 2012, dicendosi vittime di “discrimazione basata sull’orientamente sessuale.

“L’assenza di qualsiasi riconoscimento della loro relazione ha posto le coppie in un vuoto giuridico, non riconoscendo la loro realtà sociale e lasciandole di fronte a ostacoli nella loro vita quotidiana”, ha detto la corte in una sintesi della sentenza. Ricorrendo alla giurisprudenza europea, la Corte ha ribadito che “gli Stati rimangono liberi di consentire il matrimonio solo alle coppie eterosessuali, ma che le coppie omosessuali hanno bisogno di essere legalmente riconosciute e di proteggere la loro relazione”.

“Nessuna considerazione prioritaria di interesse pubblico è stata avanzata per giustificare una situazione in cui le relazioni dei ricorrenti erano prive di qualsiasi riconoscimento e protezione – ha affermato la Corte – l’Italia non poteva più trascurare la loro situazione, che era di vita familiare ai sensi dell’articolo 8 (della Convenzione europea), senza offrire loro un modo per salvaguardare le loro unioni”.

La Corte ha concluso che Roma “non ha raggiunto un giusto equilibrio tra interessi concorrenti” e che “le coppie hanno visto lesi i propri diritti” rispetto alla Convenzione europea sui diritti umani, che garantisce la protezione del diritto al rispetto della vita privata e familiare.La Corte ha condannato l’Italia a versare 5.000 euro a ciascuno dei ricorrenti per danni morali. La sentenza non è definitiva: le parti hanno tre mesi per chiedere il rinvio del caso alla più alta istanza della Corte. (fonte afp) Sim

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -