Pakistan: scontri tra Polizia e islamici radicali, morti e feriti

Condividi

 

Violenti scontri in Pakistan, dopo l’intervento della Polizia per mettere fine agli incidenti scaturiti tra Islamabad e Rawalpindi per chiedere le dimissioni del Ministro della Giustizia, Zahid Hamid.

Almeno sei persone sono morte e altre 200 sono rimaste ferite negli scontri tra forze dell’ordine e gruppi islamici radicali in prossimità della capitale.

La violenza, diffusasi anche in altre città, ha costretto il Governo a ricorrere all’intervento dell’Esercito.

Tahir Hassan Khan, ex Presidente Karachi Press Club:

“Ciò che il Governo ha fatto oggi è vergognoso: tutto il mondo vedrà questo come uno sviluppo allarmante e dovrebbe condannarlo, influenzerà anche l’immagine del Pakistan a livello globale; credo che il Governo dovrebbe rivedere immediatamente queste decisioni, altrimenti avrà conseguenze oltremodo negative”.

In tenuta antisommossa, le forze di sicurezza hanno attaccato con gas lacrimogeni e proiettili di gomma circa mille manifestanti, che hanno risposto con lancio di pietre: alla fine, si sono contati oltre 350 arresti. EURONEWS

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -