Strage Isis in Egitto, Gentiloni: “la risposta non può essere solo militare”

 

Il premier Paolo Gentiloni ha dichiarato da Tunisi che “la risposta al terrorismo non può essere solo militare”. Durante il punto stampa al termine dell’incontro con il presidente tunisino Beji Caid Essebsi, Gentiloni ha ricordato l’attacco di ieri contro una moschea sufi nel Sinai. “Siamo entrambi colpiti dalla strage terroristica che è avvenuta ieri nel nord Sinai, abbiamo tutti espresso la nostra solidarietà al governo ed al popolo egiziano, alle vittime”, ha affermato Gentiloni.

Il capo dell’esecutivo ha aggiunto: “Siamo consapevoli del fatto che questa orribile strage terroristica è uno dei segni del rischio che le forze terroristiche che hanno combattuto per Daesh (acronimo in arabo di Stato islamico del Levante e dell’Iraq) negli ultimi anni, insieme a gruppi di Al Qaeda ed altre forze jihadiste, possano costituire una minaccia grave. Per questo dobbiamo contrastarla insieme”. Agenzia Nova



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -