“Forze armate e polizia sbugiardano il governo: Ma quali aumenti? Nulla di più falso”

Stiamo ancora aspettando gli incontri per chiudere la concertazione
da OFCS Report

Solo chiacchiere e propaganda. Forze armate e corpi di Polizia bollano così le informazioni circolate oggi in merito ai presunti aumenti in busta paga da gennaio. “Nulla di più falso”, tuona Domenico Pianese, segretario generale del Coisp, Sindacato indipendente di Polizia, che ha contestato così le notizie comparse oggi su alcuni organi di stampa che parlano di aumenti e arretrati disponibili in caso di firma di un accordo entro il 2017.

Il mondo delle forze armate è in subbuglio. Ancora una volta, infatti, il governo sembra non tenere nella giusta considerazione gli operatori della sicurezza. Tutto questo mentre la concertazione è ferma da quattro mesi e il tavolo è in scadenza. Una situazione che ha spinto le varie rappresentanze a prendere posizione.

Anche il Cocer della Marina Militare, in merito alle indiscrezioni emerse, non ha mancato di farsi sentire spiegando che

“le notizie apparse su organi di stampa e televisioni sono prive di fondamento, a meno di essere di fronte ad un regime vecchio stampo che decide unilateralmente. Il governo – prosegue la nota – continua ad essere inadempiente nel non convocare, come prevede la legge, il Cocer, unico organo deputato alla trattazione del nuovo contratto per le forze armate”.

Antonello Ciavarelli, rappresentante Cocer, aggiunge:

“Non è accettabile passare per privilegiati visto che a differenza dei dipendenti pubblici l’attività per la sicurezza della nazione dovrà essere drenata dai probabili 85 euro che dovrebbero arrivare in busta paga alla pari dei ministeriali. Infatti riguardo la specificità nulla risulta ad ora che sia stato considerato. La concertazione è incominciata il 25 luglio entro 4 mesi, secondo il decreto legislativo che la regola dovrebbe concludersi. Fino ad oggi nessun incontro presso la funzione pubblica. È espressione di democrazia tutto ciò da parte del governo?”.

E proprio in questi aspetti, tra cifre e incontri mancati, che si nasconde il vero nodo della vicenda. Nessun incontro tra governo e rappresentanze delle forze armate è stato mai convocato. I famosi 85 euro lordi in busta paga, tanto sbandierati, rischiano di ridursi nel 2018 a qualcosa come 35 euro lordi. Ma non solo. Per tutto il pubblico impiego, nel 2016 sono stati stanziati 3 milioni di euro. Settecento quelli per il 2017 e 1 miliardo e 200 milioni per il 2018. Ma appunto, per tutto il pubblico impiego. Cifre, quindi, che le forze armate dovranno dividere anche con altri statali riducendo, di fatto, la somma netta che andranno a percepire.

E proprio il Coisp chiarisce:

“Le somme che complessivamente finiranno in busta paga con la prima mensilità del 2018, secondo quanto riportato dal giornale, si attesterebbero in media intorno ai 660 euro per i Corpi di polizia. Questo però, ha ancora aggiunto, accadrà solo se l’accordo viene firmato entro il 2017. E quanto alle possibilità che l’intesa sia chiusa per gennaio, si evidenzia che ancora sul tavolo della trattativa c’è il nodo delle risorse per il salario accessorio”.

“E’ inutile tentare di mischiare le carte in tavola – precisa Pianese – La trattativa per il rinnovo contrattuale è stata solamente aperta con un unico incontro a luglio e da allora siamo ancora in attesa di una nuova convocazione da parte del Governo che chiarisca quali sono le risorse che vuole destinare a tale scopo. Infatti, ad oggi, siamo fermi all’elemosina dei famosi 85 euro lordi mensili a regime, che si trasformano al massimo in 40 euro netti al mese, e quindi le notizie diffuse in proposito forse riguardano quanto dovrebbero percepire gli appartenenti alle forze di Polizia in un intero anno!”.

Tra le innumerevoli contestazioni al governo, inoltre, nel comunicato delle rappresentanze della Marina Militare, si pone l’accento anche su un altro elemento:

“Mentre all’estero i nostri militari, senza risparmio di energie, lavorano a 3 euro per ogni ora oltre l’orario di lavoro a bordo delle Unità navali, garantendo la sicurezza della navigazione e il soccorso in mare, il Governo latita ancora con chi rappresenta questi uomini e donne, in prima linea per gli interessi nazionali. Per quale ragione il Governo ancora non incontra i rappresentanti del personale? Ricordiamo ancora una volta al ministro Madia e al Governo tutto, che stiamo aspettando per porre un tavolo oltre le questioni economiche, sacrosanti diritti a favore del nostro personale nonchè la specificità del Comparto sancita per legge nel 2010 e mai attuata”.



   

 

 

1 Commento per ““Forze armate e polizia sbugiardano il governo: Ma quali aumenti? Nulla di più falso””

  1. BEATI COLORO CHE SOFFRONO SARANNO PREMIATI IN PARADISO.
    “I VETERANI DI QUESTO DOGMA , TUTTI DI PESO INTORNO AI 100KG “LORO PREMIATI IN TERRA”.!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -