Il Comune che aiuta gli italiani: “100% di case popolari agli aretini”

L’obiettivo finale è chiaro: “Il 100% delle case popolari agli italiani”. E se non sarà possibile, che ci si “avvicini il più possibile”.

L’assessore leghista alle Politiche della casa del Comune di Arezzo, Tiziana Nisini, fa il punto a oltre un anno dall’introduzione di quello che è stato rinominato il “cavillo anti-stranieri”.

Era il febbraio del 2016 quando l’assessore presentò i nuovi criteri di assegnazione delle 1.300 case del territorio comunale, due o tre modifiche alle regole con l’intenzione di “premiare gli aretini”. Mossa astuta. Sfruttando la normativa regionale sull’obbligo di residenza da almeno 5 anni in Toscana per chi vuole partecipare ai bandi per gli appartamenti popolari, il Comune ha deciso di assegnare un punto in più a chi vive ad Arezzo da almeno 10 anni e un altro mezzo punto per chi è in graduatoria da molto tempo. Poi il cavillo anti-stranieri: chi fa domanda deve dimostrare di non possedere alcuna proprietà o diritto di godimento immobiliare, anche se all’estero. E non basta un’autocertificazione, come accadeva in passato, ma bisogna produrre un certificato autentico.

Risultato? Gli stranieri continuano a fare domanda, ma molti non hanno potuto più nascondere di avere ville in Marocco o a Casablanca. E così le proporzioni si sono trasformate, favorendo gli aretini agli immigrati.

All’inizio l’ordinanza della giunta di centrodestra aveva fatto storcere il naso a opposizioni e sinistre varie. Ma non sono arrivati né ricorsi né richiami da parte di Stato o Regione. Tutto regolare.

Fatto sta che il 75% degli alloggi ora è in mani italiane. Per arrivarci il Comune ha combattuto anche la battaglia contro le occupazioni abusive. “Ci siamo trovati di fronte a situazioni incredibili – spiega a ilGiornale.it l’assessore Nisini – c’era chi teneva la casa popolare per le vacanze mentre viveva stabilmente all’estero e chi invece la subaffittava”. Il motto “fuori i furbi, dentro gli onesti” si è trasformato allora in una serie di controlli a tappeto che hanno portato nel solo 2017 alla “liberazione” di 23 alloggi: 8 occupati, 13 morosi e 2 dati a persone con altre proprietà immobiliare. Gli appartamenti sono stati riconsegnati finalmente ai legittimi assegnatari. Uno di loro aspettava da 15 anni.



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -