Asia Argento: l’uomo virile non è affascinante, è disgustoso

Ora tocca agli altri. Un mese e mezzo dopo il deflagrare dello scandalo Harvey Weinstein, il produttore americano che avrebbe utilizzato la sua posizione per abusare di decine di attrici, Asia Argento (una delle primissime accusatrici dell’ex re di Hollywood) avverte: “Le coscienze si stanno svegliando. Ogni volta che uno di questi maiali cade, è una medaglia d’onore. Altri porci verranno fuori“.

“Quello che vedo ricorda una frana” afferma l’attrice in un’intervista al Guardian, “dove basta una prima pietra perché si crei uno smottamento. E così si crea un altro ambiente, uno in cui le donne possono lavorare e vivere senza avere paura degli uomini. Ora, sono sicura, sono gli uomini ad avere molta paura di noi, e prima di fare qualcosa ci penseranno dieci volte”.

“Lascerò l’Italia per sempre”

L’attrice lamenta le reazioni alle sue rivelazioni in Italia. “In Francia la gente mi ha fermato per la strada per ringraziarmi, in Italia mi guardavano male, Nessuno a dirmi ‘brava’. La mia non è paranoia: non so se dover camminare a testa alta o nascondere la testa in un foulard”, dice l’attrice, che conferma l’intenzione di lasciare per sempre l’Italia questa estate e lega la mentalità “arcaica” degli italiani all’avvento in politica di Silvio Berlusconi, che, con le sue reti private, avrebbe inondato gli schermi di donne oggetto: “Tutti amano un uomo virile al quale piace mostrare la propria mascolinità. Pensano sia affascinante. Non è così, è disgustoso“.  (AGI)



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -