Romagna, lievitano i richiedenti asilo e i minori non accompagnati

Romagna, lievitano i richiedenti asilo e i minori non accompagnati. Sono 4.008 in totale (fonte Regione ER). Ravenna la provincia più ‘colpita’ per numero di minori. Morrone (LN): “presenze nei CAS in costante crescita. In poco più di tre anni migranti aumentati di otto volte”

Ancora una volta è la direzione generale della salute e del welfare dell’Emilia Romagna a rendere noti, grazie all’azione ispettiva del consigliere della Lega Nord Massimiliano Pompignoli, i numeri del sistema regionale di accoglienza migranti e minori non accompagnati.



Numeri che testimoniano una crescita costante negli arrivi e nella distribuzione, a livello regionale, dei cosiddetti richiedenti asilo” – afferma Jacopo Morrone, segretario nazionale del Carroccio romagnolo che sviscera i dati riferiti al proprio territorio: “al 28 settembre 2017 le presenze dei richiedenti asilo in Romagna nei CAS (centri di accoglienza straordinaria) erano 3.444. Dati a cui vanno sommati i 285 ‘migranti’ accolti con i progetti SPRAR (sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati), in questo caso aggiornati al 4 aprile scorso e distribuiti nelle provincie di Forlì Cesena, Rimini e Ravenna.”

Vedi tabella minori >>>>>

Un labirinto di numeri “in continua evoluzione che difficilmente si riesce a monitorare in maniera costante e aggiornata. Basti pensare che la situazione si evolve di giorno in giorno, di pari passo con il flusso ininterrotto di sbarchi e con il modello di distribuzione diffusa adottato a livello regionale” – spiega Morrone – “certo è che per quanto riguarda la Romagna, dal report della direzione regionale della salute e del welfare, spicca all’occhio di chiunque l’evoluzione iperbolica di queste cifre” – attacca Morrone – “una crescita pressoché costante nel corso degli anni e assolutamente non contestabile.

Nell’arco di poco più tre anni, infatti, le sole presenze nei CAS della Romagna sono aumentate di otto volte. Al 21 luglio 2014 erano 422 in totale (135 per la provincia di Ravenna, 161 Forlì Cesena, 126 Rimini) mentre ‘oggi’ (28/09/2017) sono 3.444.”
Ma il sistema a matriosca dell’accoglienza non prevede solo i CAS. Anche nelle tre provincie romagnole è attivo fin dal 2002, anno della sua istituzione per legge, il progetto SPRAR. “Si tratta, a differenza dei CAS, di uno strumento volontario – al quale un Comune può o meno aderire – di accoglienza integrata costituito da una rete di Enti Locali con il supporto di cooperative e realtà del terzo settore. In questo caso, secondo i dati della Regione, al 4 aprile 2017 erano 285 i posti letto Sprar complessivi su scala romagnola.”

“Ciliegina sulla torta” – ironizza Morrone, riportando i dati del SIM aggiornati al 31 luglio 2017 (sistema informativo del Ministero del Lavoro e delle politiche Sociali dedicato al censimento dei minori stranieri non accompagnati sull’intero territorio nazionale) – “sono 279 i minori stranieri non accompagnati, su un totale di 1.088 distribuiti su tutto il territorio regionale, presenti in Romagna. In questa particolare classifica di presenze e ripartizioni su scala provinciale, quella di Ravvena, con i suoi 152 minori, oltre a doppiare le ‘colleghe’ di Rimini e Forlì Cesena, a livello regionale è seconda solo a quella di Bologna. Certo un triste ‘primato’ per il comprensorio ravennate” – chiosa il segretario del Carroccio che evidenzia come “di questi 152, più della metà, ovvero 73 li accolga il Comune di Ravenna. Segue Faenza con 47 minori e Lugo con 31. Nella provincia di Rimini la situazione invece è molto netta: il capoluogo felliniano ne accoglie 61 su 66, mentre nel comprensorio di Forlì Cesena, su un numero complessivo di presenze pari a 61 minori, più della metà (41) stazionano a Forlì”.

“Se sommate (CAS, SPRAR e minori) le presenze dei richiedenti asilo in Romagna, minori e non, sono 4.008. Numeri che fanno riflettere chiunque e che mettono paura. Inutile nascondersi dietro una foglia di fico” – conclude Morrone – “basta leggere le cronache locali per rendersi conto che molta di questa gente, una volta insediatasi nei centri di accoglienza, delinque, spaccia, ruba o chiede l’elemosina. È la cartina di tornasole per comprendere il risvolto più scomodo del fenomeno dell’accoglienza” – chiude il leghista romagnolo – “chi ancora si ostina a negarlo, non fa altro che arrecare un danno alla nostra società civile”.

Beatrice Lamio
Ufficio Stampa Lega Nord Romagna



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -