Pisapia: “salvare l’Italia dalle destre e dai populismi”

Sì all’unità, ma nel segno della discontinuità, per costruire una proposta diversa per l’Italia e salvarla dalle destre e dai populismi. Queste le parole d’ordine che hanno scandito ‘Diversa’, l’iniziativa organizzata da Campo Progressista all’Auditorium Antonianum di Roma. Dal palco del centro congressi il leader del movimento, Giuliano Pisapia, ha rilanciato la sua sfida, tornando a invocare l’unità delle varie anime del centrosinistra.

“L’autosufficienza del Pd è un suicidio politico”, ha messo in guardia l’ex sindaco di Milano: un appello alla coesione volto a scongiurare il rischio di “una nuova Sicilia”. “Agli amici del Pd – ha proseguito Pisapia – dobbiamo dire con forza” che c’è bisogno di “unità perché senza unità non si vince” ma anche di “discontinuità perché senza la discontinuità è il Paese che perde”.

Pisapia ha chiesto al partito di governo “segnali forti” a partire dalla prossima legge di bilancio (“un intervento importante e sui superticket”) e sul fronte dei diritti (ius soli e biotestamento). Ma il “punto fermo”, la ‘conditio sine qua non’ per un’alleanza è che “nel nuovo centrosinistra non ci può essere spazio per nuovi o vecchi elementi del centrodestra. Non è mai stata un’opzione accettabile e non lo sarà mai”, ha detto chiaro e tondo il fondatore di Campo Progressista.

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

A prendersi la scena è stata però la presidente della Camera Laura Boldrini, che ha snocciolato i contenuti di un vero e proprio programma politico articolato in sei punti: una proposta “progressista” che sia “laburista, sociale, femminista, ambientalista, solidale ed europeista“.

Parole di apprezzamento per l’intervento della presidente della Camera sono arrivate dal coordinatore nazionale di Articolo 1, Roberto Speranza, che ha definito “un’agenda straordinaria per il Paese” le proposte elencate da Boldrini.

A raccogliere l’invito di Pisapia anche gli esponenti del Pd Gianni Cuperlo e Cesare Damiano.

“L’appello di Giuliano deve uscire da qui e lo faccio mio in vista della direzione di domani”, ha affermato Cuperlo. Obiettivo condiviso anche da Damiano, il quale ha promesso “una battaglia nel Pd per un’alleanza con Campo Progressista”.  ADNKRONOS



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -