“Cremazione, ultimo schiaffo a Dio”

Nei giorni scorsi sono stati resi note le “abitudini” post mortem degli italiani. L’indagine ha accertato che sempre più persone hanno optato per la cremazione. A prima vista la scelta tra inumazione e cremazione appare priva di connotazioni ideologiche. In realtà scegliere per l’una o l’altra possibilità, implica visioni della vita e della religione agli antipodi.

A preferire la cremazione, nella stragrande maggioranza dei casi sono atei e razionalisti. Chi invece predilige l’inumazione, sono i credenti di tutte le religioni. Appare lapalissiano che optare per l’inceneritore anzichè la tomba, ha un movente inequivocabilmente “religioso”. Per non creare imbarazzi alla cerchia di amici e parenti, chi decide di gettarsi nel forno, giustifica la scelta con argomentazioni di carattere ecologico ambientale. In realtà, la motivazione, checché non manifestamente palesata, è ben altra.

Per comprendere le vere ragioni della cremazione, bisogna muovere da lontano. Gli atei, che per “inspiegabili ragioni” preferiscono farsi chiamare laici, in realtà credono a Dio più dei “bigotti”. La prova si arguisce dal fatto che gli atei dedicano la loro esistenza a combattere le fedi, le chiese e Dio. Se ne evince che lo zelante impegno contro le religioni, conferma la credenza degli atei in un divinità negata a sole parole. Preso atto che la sola differenza tra un credente e un ateo è che il primo ama Dio mentre il secondo lo odia, è peregrino ipotizzare il “diversamente credente” colga nella cremazione l’occasione per assestare l’ultimo schiaffo (all’odiato) Dio?

Gianni Toffali

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -