Violentava il figlio e il cane, per l’orco solo 2 anni di “sorveglianza speciale”

Violenta il figlio di 15 anni mentre è ai domiciliari: così sarà “recuperato” il papà “mostro”

Avrebbe reso la vita di suo figlio un inferno. Lo avrebbe costretto, mentre era ai domiciliari, a subire abusi. Poi, non contento, lo avrebbe obbligato a guardare mentre aveva rapporti sessuali con il loro cane. Un incubo, durato a lungo, che il giovane – con un ritardo mentale – ha trovato il coraggio di raccontare a una professoressa, che ha poi dato il via alle indagini.

Come scrive MilanoToday, Protagonista dell’orrore – avvenuto a fine 2016 – sarebbe stato un uomo di trentasette anni, arrestato pochi mesi prima per essere stato trovato con venti chili di hashish in auto. Dopo qualche mese di carcere, e una condanna a tre anni, il trentasettenne sarebbe tornato a casa e lì avrebbe dato il via alle violenze. L’orco, stando a quanto accertato dalle indagini, avrebbe obbligato il ragazzino ad avere rapporti sessuali con lui e ad assistere ad atti sessuali tra lui e il cane di famiglia.

Le indagini – che hanno confermato le violenze anche con intercettazioni e audizioni protette della vittima – hanno poi accertato maltrattamenti sugli altri due figli dell’uomo. Il tutto tra il complice silenzio della moglie, che sapeva – o almeno aveva elementi per immaginare – ma mai ha denunciato l’uomo.

Così sarà recuperato il “papà mostro”

Per lui – ed è questa la novità degli ultimi giorni, annunciata venerdì dalla Questura – il tribunale, su richiesta della polizia, ha disposto un provvedimento di sorveglianza speciale di due anni. Si tratta – fanno sapere da via Fatebenefratelli – di un modo per assicurare alle vittime che il loro incubo è davvero finito e di una strada per provare a “recuperare” i “mostri”, cercando di regalare anche a loro una nuova vita. L’uomo, una volta libero, dovrà infatti seguire gli obblighi imposti dalla sorveglianza: per due anni  dovrà stare ad almeno mille metri di distanza dal figlio, dovrà evitare qualsiasi contatto con lui e – proprio nell’ottica di recupero – dovrà obbligatoriamente iniziare un percorso terapeutico con un criminologo. Per lui, in caso di inosservanza, si riapriranno immediatamente le porte del carcere.

Lo stesso provvedimento – e sono i primi due a Milano di questo genere – è scattato anche per Francesco Palmisano, quarantatreenne con alle spalle una condanna per omicidio. Nel 2016 – dopo aver scontato dieci anni di carcere per aver ucciso la sua ex suocera -, l’uomo ha iniziato a perseguitare la sua compagna e a fine anno è arrivato a minacciarla con una pistola all’interno di un’autobus Atm. A quel punto per lui erano scattate, di nuovo, le manette ed era ritornato in carcere. Nel 2018, Palmisano dovrebbe tornare libero e da quel momento, anche lui – per due anni e mezzo – sarà un sorvegliato speciale.

Le vittime dei due uomini – e anche questa è una prima volta – sono già state informate dalla Questura dei nuovi provvedimenti a carico dei loro aguzzini. Per l’ex moglie del quarantatreenne, che viveva in un perenne stato di ansia, è sembrata la fine di un incubo.

 


   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -