Ercolano, arriva la Boschi: ‘vietato morire’, via i manifesti funerari

Roma – Il sindaco di Ercolano Ciro Buonajuto tira a lucido la città per l’arrivo di Maria Elena Boschi e impone alla popolazione il «divieto» di morte per tre giorni: strade pulite, aree off-limits ma soprattutto, dalle pareti del centro dell’hinterland napoletano dovranno sparire i manifesti funerari. Che pare possano turbare l’animo sensibile della sottosegretaria alla presidenza del Consiglio. […]

Dal 27 al 29 ottobre, la città di Napoli ospita la conferenza programmatica del Pd: sono attesi tutti i big del partito.

Boschi a Taormina, in pizzo di prima mattina

Il provvedimento del Comune di Ercolano – che il blog napoletano Napolispia ha diffuso in rete – impone alla ditta che si occupa del decoro urbano di ripulire tutte le strade che si trovano lungo il tragitto che la sottosegretaria Boschi percorrerà con auto blu e scorta per raggiungere l’hotel Miglio d’Oro in corso Resina. L’ordine di servizio è stato trasmesso al comando locale di polizia municipale, che dovrà garantire il rispetto delle nuove disposizioni. La misura che più sta scatenando proteste e indignazione è quella che obbliga la ditta a rimuovere i manifesti funerari.

La rabbia degli abitanti del comune vesuviano è esplosa attraverso i social: da ieri pomeriggio circolano le foto dell’area rossa (destinata al soggiorno della Boschi) con tanto di transenne e divieti di circolazione. Insomma, per tre giorni nella città degli scavi si fermeranno tutte le attività. Morte compresa.

www.ilgiornale.it



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -