Corte UE condanna l’Italia a farsi carico di tutte le richieste d’asilo

BRUXELLES, 26 OTT – “Dopo sei mesi nel Paese di primo ingresso gli immigrati potranno conquistare una sorta di ‘immunità’ da ogni trasferimento. Visti i tempi lunghi di esame delle richieste, l’ultima sentenza della Corte di giustizia Europea condannerà l’Italia a farsi carico di tutte le richieste d’asilo e a sprecare ingenti risorse in accoglienza. Ai clandestini sarà inoltre concessa una sponda legale per evitare i rimpatri, già carenti.

Su queste basi la riforma di Dublino viene ulteriormente compromessa e la sbandierata rimozione del principio dei Paesi di primo approdo sarà totalmente vanificata, come avevamo pronosticato. Si realizza il solito cortocircuito, che ha come unico effetto quello di perpetuare l’immobilismo e di relegare sempre di più il nostro Paese al ruolo di campo profughi dell’Europa”.
Così l’europarlamentare e vicesegretario federale della Lega Nord Lorenzo Fontana sull’ultima sentenza della Corte di giustizia europea, in applicazione del Regolamento di Dublino.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -