Minniti vieta la manifestazione di FN ma non la commemorazione della rivoluzione bolscevica

“Il No di Minniti alla manifestazione di Forza Nuova è più ridicolo che mai dopo il permesso accordato alla manifestazione del Partito Comunista, che commemorerà la Rivoluzione russa l’11 novembre nella Capitale”, non crede ai suoi occhi Roberto Fiore dopo aver letto l’ intervista di Marco Rizzo sul quotidiano il Tempo.


“Sia ben chiaro: non chiedo la soppressione delle libertà di Rizzo (come lui stesso non fa nei confronti di Forza Nuova), chi in questi giorni appare sempre più fuori dalla storia e dalla logica è il Ministro dell’Interno, pretende di decidere su basi ideologiche, come un vecchio esponente del Politburo”.
“D’altronde – conclude Fiore – Minniti è un sostenitore dello Ius Soli, che NON ha fermato i flussi (ampiamente ripresi), e della necessità di mantenere in vita vecchi odi antifascisti. Va capito, forse il suo cuore batte ancora per le anticaglie leniniste”.

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Questo divieto del presunto ministro, prima ancora che del Questore, che sappiamo bene da quale parte politica riceve gli ordini, è una violazione della Costituzione.

Anche qui, non si comprendono le motivazoni. Vietare una manifestazione a favore della libertà di espressione, regolarmente richiesta da Forza Nuova all’Eur per il prossimo 28 ottobre è davvero una violazione dei diritti umani sanciti non solo nella nostra Costituzione. Solo i comunisti, i falcemartellati a 5 stelle, i centri sociali, i no tav, i cosiddetti antifascisti, gli anarco insurrezionalisti, i black bloc, sfasciavetrine a libro paga e immigrati agli ordini della Cgil, possono manifestare?

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

“Colpire uno per educarne cento”

di Armando Manocchia

Divieto della manifestazione AVVISO DI SFRATTO A PARLAMENTO E GOVERNO indetta da me e poi vietata (e quindi annullata) lo scorso 12 settembre a Montecitorio. Anche qui, non si comprendono le motivazoni.

 13 settembra 2017

Quello che si è verificato ieri a Roma non accade nemmeno in Corea del Nord. Il DIVIETO assoluto a una quarantina di persone, – dai 40 ai 70 anni – per il 70% donne, quasi tutti professionisti, di incontrarsi in luogo pubblico – Altare della Patria – è davvero indegno di un Paese civile. Queste persone erano una infinitesima parte di quelle che avevano deciso di partecipare alla manifestazione da me indetta per il 12 settembre in Piazza Montecitorio e che, per motivazioni strettamente politiche, e non quelle subdole e false addotte, ci è stata vietata.
In osservanza di tale divieto, ho annullato la manifestazione comunicandolo in tutti i modi a me possibili, però circa un centinaio di persone aveva già prenotato alberghi e treni e aveva quindi deciso di venire a Roma lo stesso. Le dovevo ignorare? Secondo i rappresentanti dello Stato si! Secondo loro, non sarei potuto andare a Roma. Non avrei potuto fare nessuna riunione o assembramento di persone in nessun luogo pubblico. Invece, per rispetto e per educazione, ho individuato un punto di riferimento – Altare della Patria – e a coloro che, manifestazione o meno, sarebbero venuti a Roma comunque, ho comunicato questo bellissimo luogo per incontrarci e salutarci, per conoscerci, parlare, confrontarci, non per manifestare! Nonostante tutto, anche questo ci è stato VIETATO! Siamo stati obbligati – altrimenti avrebbero preso provvedimenti – a disperderci. Ci hanno impedito di stare riuniti, malgrado fra di noi non vi fosse neanche solo un maleducato. Nessuno di noi aveva un megafono, un fischietto, un cartello, un volantino o uno striscione, proprio perché ci incontravamo semplicemente per conoscerci, per parlare di come fare, nel prossimo futuro, per manifestare (sempre pacificamente, civilmente e democraticamente) il nostro dissenso a questa cloaca di parassiti, collusi, indagati, rinviati a giudizio, condannati e traditori della Patria, senza avere dei divieti. Tutto qui. Ce l’hanno impedito!

Tutto qui? Anzi no! Una delle persone che camminavano con noi – ma a una certa distanza, perchè ci era stato vietato anche di camminare in gruppo – mentre ci allontanavamo dall’Altare della Patria e ci dirigevamo verso il Colosseo, ha estratto qualcosa dalla tasca posteriore. Un’arma? Si ma di quelle micidiali che a questa dittatura fa più paura dei missili del Coreano: il tricolore! Questa persona non ha fatto in tempo a spiegarla, che uno della Digos (ci marcavano a uomo a piedi e con i mezzi), gli ha subito imposto di metterla via, altrimenti avrebbero preso provvedimenti? No, magari! Invece gli è stato ordinato all’istante di seguirli presso una loro postazione per identificarlo. Avete capito? Parlo del Tricolore, non della bandiera dell’isis!

E questo è un brutto segnale. E’ una brutta pagina della storia di questo Paese. Ma è sintomo soprattutto della violenza con cui questa dittatura travestita da democrazia, usa le Istituzioni dello Stato per renderci schiavi. Una violenza paragonabile solo alla tortura e allo stupro. Sissignori! Impedire di incontrarci, di stare assieme, di parlare, di conoscerci, di confrontarci è stata una VIOLENZA inaudita, una TORTURA, uno STUPRO che ha segnato sicuramente la mia vita, ma anche quella delle altre persone che erano presenti ieri.

Badate bene. Quando si parla di violenza, viene spontaneo pensare alla violenza fisica. No, non parlo di quella! Parlo invece di un altro tipo di violenza, di gran lunga peggiore, quella che fa più male di quella fisica, quella che ti lascia segni indelebili. Quella che ti ferisce e ti sanguina dentro. Parlo della violenza dell’anima. Una violenza che ti danneggia nell’intimità di essere umano, che ti ferisce nella dignità di persona, che ti tortura nell’autostima di Cittadino Italiano. Una violenza che stupra i tuoi desideri, i tuoi sogni, i tuoi ideali e i tuoi valori.

In poche parole, ieri si è consumato lo stupro della libertà. E’ stata una vera e propria tortura quella di cui siamo stati vittime. Una violenza che oltre all’anima, danneggia il cuore e la mente. Perché questa è una violenza che ti impedisce di pensare, di dire e di agire. Una violenza privata, perché tutto ciò che pensi, che dici, che fai, viene demolito. Una violenza, una tortura, uno stupro i cui danni non sono fisici, ma ti massacrano l’anima. Una violenza che ti fa mettere in discussione persino chi sei, dove vivi, cosa fai e che valore hai. E a quel punto il senso di frustrazione prende in sopravvento: ti fa assumere prima la consapevolezza di non essere nessuno e di non essere considerato persona e Cittadino, e poi ti annienta come essere umano.

Per favore ditemi che non è vero, che è stato solo un incubo!

Armando Manocchia, quello da massacrare per educarne tanti altri…

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

 



   

 

 

1 Commento per “Minniti vieta la manifestazione di FN ma non la commemorazione della rivoluzione bolscevica”

  1. Che ignoranza minniti!!! Certo non si può pretendere niente da un governo in cui il ministro (non ministra) dell’istruzione falsifica il curriculum per millantare un diploma falso. Vietano la marcia dei patrioti del 28 ottobre, violando la costituzione, ipotizzando (a vanvera) che ricordi la marcia su Roma del 1922; per chi non lo sapesse il 28 ottobre è una data come un’altra presente sul calendario e ricorda molte ricorrenze (ad esempio la battaglia di Ponte Milvio del 512).Invece loro celebrano, riviolando la costituzione, apertamente una data che ha segnato l’inizio di un regime sanguinario che ha provocato milioni di morti. Ma loro possono…

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -