Genova, Ilva: 600 esuberi e taglio salariale del 20% per chi resta

Sale la preoccupazione a Genova dopo l’arrivo del documento, contenuto in una lettera inviata dalla gestione commissariale insieme ad Ancelor Mittal Investco, che conferma i dettagli su produzione, assunzioni, contratti previsti dai nuovi proprietari del gruppo Ilva.Una bozza di lavoro per la trattativa che partirà da lunedì prossimo ma che ha fatto salire l’attenzione sul tema occupazionale: all’interno è riportato lo schema secondo il quale verranno selezionati i dipendenti della nuova proprietà.

A livello nazionale previsto un organico totale di 9.885 dipendenti tra quadri, impiegati e operai.Nel capoluogo ligure sono indicate 900 assunzioni dirette di cui 25 quadri, 165 impiegati e 710 operai, rispetto agli attuali 1.499 dipendenti con circa 600 esuberi previsti nel solo cantiere di Cornigliano.

“Inoltre – spiegano dalla Fiom di Genova all’Adnkronos – per chi resta è previsto un taglio salariale del 20%, senza cioè le condizioni contrattuali attuali: meno diritti e con 600 persone in meno vuol dire che a Genova si ridurrà la produzione oltre al fatto di non applicare quanto previsto dall’accordo di programma. Le istituzioni e la città crediamo debbano dire che non sono disponibili, Genova pagherebbe un prezzo altissimo”.

Lunedì mattina intanto è già previsto un incontro alle 5 davanti alla portineria dell’Ilva di Cornigliano. Prima assemblea e poi sciopero, i lavoratori insieme ai sindacati marceranno poi in corteo fino alla Prefettura in contemporanea con il vertice al Mise.

“Non saremo presenti al previsto incontro presso il Mise ed inizieremo da subito azioni di lotta”. Lo comunicano la Camera del Lavoro Metropolitana e la Fiom Cgil di Genova che oggi dopo aver ricevuto la comunicazione di A.M. InvestCo Italy S.r.l. e dei commissari straordinari Ilva S.p.A., annunciano che lunedì non prenderanno parte all’incontro previsto a Roma al ministero dello Sviluppo Economico ma saranno in piazza con i lavoratori di Cornigliano.

Contenuti della lettera giudicati “provocatori e pertanto irricevibili”, Camera del Lavoro e Fiom di Genova precisano che: “Con tali presupposti non esistono le condizioni, non solo per ipotizzare accordi, ma neppure per avviare un confronto. Se questi sono gli interlocutori che si propongono di portare avanti la storica tradizione dell’industria siderurgica italiana, si sappia che ci opporremo con tutte le forze a questi pseudo progetti”.

SCIOPERO ANCHE A TARANTO – Il consiglio di fabbrica dell’Ilva di Taranto ha proclamato per lunedì 9 ottobre 24 ore di sciopero dei lavoratori dell’azienda siderurgica e dell’appalto/indotto in seguito alla proposta di Am Investco che “respinge sia dal punto di vista normativo/economico che nei numeri degli esuberi”, calcolati in 3311. Il consiglio di fabbrica rispedisce ai nuovi proprietari e al governo anche “l’azzeramento degli accordi vigenti, il licenziamento e le assunzioni con il Job’s Act, l’azzeramento degli istituti contrattuali, la discriminazione tra lavoratori” e la mancanza di prospettive “per gli operai degli appalti”. Ci rifiutiamo di considerare che tale impostazione possa rappresentare il punto di partenza della trattativa che vede coinvolti migliaia di lavoratori e le loro famiglie come fossero merce di scambio”.

BELLANOVA – “Il Governo ribadisce che al termine del confronto nessun lavoratore rimarrà senza tutele reddituali e occupazionali. Mi auguro che lunedì si avvii una trattativa che porti a una intesa soddisfacente in tempi rapidi”. Lo assicura la vice ministro allo Sviluppo Economico, Teresa Bellanova.

La nota , spiega, rappresenta i principali contenuti del piano ambientale, industriale e occupazionale di AM InvestCo, con una previsione di assunzione di 10.000 addetti complessivi. “Tale previsione di assorbimento occupazionale è conforme all’offerta presentata dalla società e costituisce la base di partenza della trattativa che si svolgerà tra le parti, presso il Mise, a partire dal 9 Ottobre”, aggiunge. “Per quanto riguarda gli altri aspetti del rapporto di lavoro, vale quanto già illustrato alle organizzazioni sindacali nel corso della presentazione delle offerte pervenute ai Commissari dell’Amministrazione straordinaria”. ADNKRONOS



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -