Migranti, nuova rotta Algeria-Sardegna, “chi sta entrando in casa nostra?”

Con il blocco pressochè totale delle partenze dalla Libia (non confermato, ndr), si aprono nuove rotte nel Mediterraneo. Ce n’è una, quella che collega Algeria e sud della Sardegna, che preoccupa parte del mondo politico sardo.
“Il Governo sottovaluta le possibili conseguenze dei continui sbarchi in Sardegna di migranti provenienti dall`Algeria”. Lo ha dichiarato Ugo Cappellacci, coordinatore di Forza Italia, dopo aver pubblicato sul suo blog l`articolo di un quotidiano algerino in cui il generale della gendarmeria algerina lancia l`allarme sulla criminalità transfrontaliera e annuncia le contromisure. “Se lo affermano perfino loro – prosegue Cappellacci, che ricorda come recentemente proprio dall`Algeria sia partito un precedente allarme sulle reti di immigrazione clandestine dirette dai cittadini tunisini, Libici e africani-, è giusto e doveroso che anche lo Stato italiano si ponga un domanda: chi sta entrando in casa nostra? Perché il fenomeno – prosegue l`esponente azzurro- potrebbe essere molto più grave rispetto agli intollerabili episodi di micro-criminalità che puntualmente seguono l`arrivo dei `barchini` nel Sud Sardegna. Occorre intervenire subito anzitutto per ripristinare la sicurezza in città come le nostre, che sono sempre state realtà tranquille, e in secondo luogo perché questo sistema senza controlli, che vede la nostra isola come terminal dei migranti clandestini, rappresenta una minaccia ed un pericolo per noi e per tutto il Paese. Basta con le letterine tra presidente della Regione e ministro – ha concluso Cappellacci – servono azioni concrete ed espulsioni immediate”.

“Emergenza sicurezza a Cagliari”

“Non aspettate il morto o altra violenza. C’è un’emergenza sicurezza a Cagliari e dintorni legata agli sbarchi degli algerini sulle coste del Sulcis che non può essere ulteriormente sopportata. Quel tipo di invasione non ha niente a che fare con l’accoglienza si tratta di una rotta legata alla criminalità che va bloccata senza ulteriori indugi. Per questa ragione deve essere attivato un immediato allontanamento senza perdere una sola ora di tempo. Da Porto Pino direttamente in aeroporto e rispediti in Algeria senza indugio alcuno. Serve un atto deciso e immediato. La situazione sicurezza e la sua percezione sono gravissima ed è intollerabile il tentativo di alcuni di nasconderla. La rotta Algeria-Sulcis è stata già identificata come la porta d’ingresso per terroristi in Europa. E come avevo denunciato nelle scorse settimane l’attentatore di Charleroi (Belgio) che il 6 agosto del 2016 ferì con il machete due poliziotte vicino al commissariato della città belga era sbarcato in Sardegna, a Porto Pino, direttamente dall’Algeria. E’ una rotta che va stroncata pesantemente con rimpatrio diretto e immediato”. Lo ha detto poco fa il deputato di Unidos Mauro PILI, annunciando un’interrogazione urgente al Ministro dell’interno Minniti.

Il terrorista di Charleroi era sbarcato in Sardegna

Pili nelle scorse settimane aveva comunicato di essere in possesso di informazioni riservate che confermavano l’identità di Khaled Babouri, sbarcato nelle coste del Sulcis, nato nel giugno del 1983 in Algeria, e ucciso dopo aver ferito gravemente le due poliziotte belghe al grido di ‘Allah u akbar’, attentato rivendicato il giorno dopo dall’Isis attraverso la sua agenzia Amaq. Importante un dettaglio fornito dal deputato sardo: “l’uomo è stato identificato al Cpa di Elmas nell’agosto del 2008 dopo lo sbarco a Porto Pino, in comune di Sant’Anna Arresi (Cagliari). Babouri fu quindi identificato e portato nell’allora Cpsa di Elmas, fu espulso ed ebbe 15 giorni di tempo per lasciare il territorio nazionale. Attraversò l’Europa e si radicalizzò in Belgio, dove era ben noto alle forze dell’ordine fin dal 2012. L’algerino era quindi irregolare sul territorio belga e fu per ben due volte – riferiscono i media belgi – colpito da decreto di espulsione.

“L’Europa è un colabrodo per terroristi”

“Tutto questo dimostra che l’Europa, anche attraverso la Sardegna, è un colabrodo per terroristi. Si tratta di terroristi che, espulsi da una parte, rientrano dall’altra. Questo – afferma PILI – conferma che si continua a negare in maniera irresponsabile che la rotta Algeria-Sardegna sia realmente un crocevia per terroristi e delinquenti. Il ministro ne è a conoscenza e deve bloccare questo flusso incontrollato verso la Sardegna con rimpatri diretti e immediati. I fatti criminali di questi mesi in Sardegna sono quasi tutti riconducibili a questi soggetti. Sono un rischio quotidiano e questa conferma del collegamento diretto tra terrorismo e questa rotta dovrebbe indurre ad un’azione concreta per stroncare questo crocevia “. “Da 4 anni denuncio con atti parlamentari – conclude il leader di Unidos – la pericolosità del tragitto Algeria-Sulcis senza che il governo abbia mai attivato veri controlli tesi a bloccare tale inusitato flusso di clandestini provenienti dall’Algeria verso la Sardegna”.

www.today.it



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -