“La mia famiglia ha il malocchio”, ghanese ottiene permesso di soggiorno per motivi umanitari

È in Italia dal 2016. E qualche giorno fa il Tribunale civile di Milano gli ha concesso il permesso di soggiorno per motivi umanitari. A raccontare la storia del migrante è il quotidiano Il Giorno. Sbarcato con un gommone sulle nostre coste e giunto a Milano dal Ghana, ha richiesto protezione alla Commissione prefettizia per i rifugiati raccontando di non avere più famiglia. Madre e zia sono morte in poche ore. “Qualcuno dice che hanno avuto un maleficio, ho paura di quel che è successo alla mia famiglia perchè io sono l’unico superstite. Loro sono morti tutti all’improvviso, senza avere alcun problema di salute“.

La Commissione giudica il racconto poco convincente e il 13 dicembre 2016 nega a Amir lo status di rifugiato. Lui presenta ricorso (come fanno tutti, intasando di lavoro i nostri tribunali) e il caso arriva al Tribunale civile. Il suo avvocato, in aula, ricorda come le credenze popolari esistano anche da noi, citando articoli di stampa secondo i quali milioni di italiani sono seguaci di maghi e veggenti. Non basta: la protezione internazionale gli viene negata anche in tribunale, visto che non si tratta di un perseguitato per motivi razziali o politici.

Però, il giudice accorda al giovane un permesso di soggiorno per motivi umanitari, certo di rango inferiore rispetto a quello di protezione internazionale, ma sufficiente a farlo restare in Italia perchè Amir si trova

“in una situazione di vulnerabilità legata alla vicenda traumatica vissuta nel suo Paese a causa della morte, in rapida successione, di tutti i suoi famigliari, dovendosi anche dare atto altresì dell’elevato grado di integrazione in Italia del ricorrente“.

Cioè, Amir si è integrato bene, quindi può restare. provate voi a chiedere una green card agli stati Uniti spiegandogli che all’improvviso v’è morta la nonna: vedete come ve la danno…

www.liberoquotidiano.it



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -