Intelligence: miliziani Isis arrivati in Italia. Piu’ protette sedi istituzionali e di governo

Fonti d’intelligence rivelano che sono sbarcati sul territorio italiano nove miliziani dell’Isis. I nove, come si legge su Il Tempo si sarebbero introdotti in Italia sfruttando una copertura fornita dal combattente del califfato Muhammad Abu Riyan i cui documenti, perfettamente in regola, sono stati diffusi dalla Questura di Roma. Il gruppo di presunti kamikaze, composto da sei marocchini, due siriani e un iracheno ha agito secondo i piani di Riyan e sarebbe partito dalla Turchia per dirigersi Thessaloniki, in Grecia, dove hanno alloggiato qualche giorno in attesa dei permessi di soggiorno e dei documenti di viaggio, forniti dall’ideatore marocchino.

Secondo quanto si evince dalle fonti, i miliziani si trovano sul nostro territorio con un unico scopo, quello di mettere a segno una serie di attentati. Le autorità avrebbero infatti disposto maggiori misure di sicurezza in prossimità dei siti istituzionali e di governo, della Santa Sede e delle strutture collegate, le chiese cattoliche, le sedi diplomatiche riconducibili al Vaticano, le località interessate da visite pastorali, cerimonie o eventi con la presenza del Papa, gli aeroporti e altre personalità di spicco.

liberoquotidiano.it



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -