Minniti: “Mi sento profondamente di sinistra, da giovane ho scelto il Pci”

“Mi sento profondamente di sinistra. Quand’ero ragazzo ho scelto un partito politico”, il Partito comunista italiano “e non l’ho mai cambiato; ho contribuito a cambiarlo dall’interno. Con la rottura traumatica ma necessaria dell’’89. E con la svolta di dieci anni fa. Se non avessi contribuito allora a far nascere il Pd di Veltroni, l’avrei fatto adesso”. Lo ha affermato il ministro dell’Interno, Marco Minniti, che in un passaggio dell’intervista al ‘Corriere della Sera’ risponde alla domanda se, assunta la guida del Viminale, si considera ancora di sinistra.

“Perché il Pd nasce per rispondere alle grandi sfide del mondo globale, come l’immigrazione e il terrorismo. Non è possibile leggere fenomeni così complessi se si ritorna all’identità precedente”. Secondo Minniti gli scissionisti del Pd, “hanno commesso un gravissimo errore”. ADNKRONOS



   

 

 

2 Commenti per “Minniti: “Mi sento profondamente di sinistra, da giovane ho scelto il Pci””

  1. G.B.Shaw(se non ricordo male)affermava che se uno non è comunista a 20 anni è senza cuore,ma se lo è ancora a 40 è senza cervello!

  2. Poveri noi, come siamo messi male!!

    Non ci sono parole. Mi domando solo in che mani ci hanno messo!!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -