Iran, stuprò e uccise una bimba di 7 anni: impiccato in pubblico

E’ stato impiccato in pubblico nella piazza di Parsabad, nel nord-ovest dell’Iran, Esmail Jafarzadeh, condannato a morte per lo stupro e l’omicidio di Atena Aslani, bambina di 7 anni scomparsa lo scorso 19 giugno e il cui cadavere venne ritrovato nel garage dell’abitazione dell’uomo. Lo hanno riferito i media locali, precisando che molte persone hanno assistito all’esecuzione.

I dettagli della morte della piccola Aslani avevano scatenato un’ondata di rabbia in tutto il Paese. I social, dopo l’arresto di Jafarzadeh e la sua presunta confessione, erano stati invasi dai commenti sull’accaduto. Lo stesso presidente Hassan Rohani era intervenuto sul caso definendolo “orribile” e chiedendo che fosse fatta giustizia.

Naser Atabati, il procuratore di Ardebil, capoluogo dell’omonima provincia dove è avvenuto l’omicidio, ha spiegato che la condanna a morte è stata eseguita in pubblico per “ripristinare nei cittadini il senso di sicurezza e dare sollievo alle loro menti inquiete”. Dopo un rapido processo, Jafarzadeh era stato dichiarato colpevole dalla Corte Suprema l’11 settembre. adnkronos



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -