Sbarchi “fantasma”, il procuratore di Agrigento: “Migrazione pericolosa”

Barconi che arrivano in piena notte o all’alba, altri in pieno giorno. Gli “sbarchi fantasma” che dall’inizio dell’estate vanno avanti sulle spiagge dell’agrigentino e su quelle di Linosa e Lampedusa, rappresentano “un’immigrazione pericolosa”. A dirlo è il procuratore di Agrigento Luigi Patronaggio, che un’intervista a La Stampa avverte: “Non è la nuova rotta dei migranti al posto di quella libica – avverte Patronaggio – anzi, sembra di essere tornati indietro di 10-15 anni, quando i migranti partivano dalle coste tunisine e venivano in Italia a cercar fortuna”.

Racconta Patronaggio che i migranti arrivano di solito in gruppi di 30-40, su barche in legno o piccoli pescherecci che vengono poi abbandonati sulla spiaggia; una volta sbarcati, si nascondono tra le due, cambiandosi poi i vestiti e fuggendo via. “Riteniamo che i più scaltri abbiamo qualcuno che li attende e li porta via; è possibile che ci siano dei basisti a terra“, chiarice Patronaggio.

Ma, dice il procuratore, “i motivi per cui arrivano in Italia potrebbero non essere solo legati a bisogni economici. Tra loro ci sono persone che non vogliono farsi identificare, gente già espulsa in passato dall’Italia o appena liberata con l’amnistia dalle carceri tunisine o magari che ha preso parte alle rivolte del 2011″. Il timore è che “tra loro potrebbero esserci anche persone legate al terrorismo internazionale“. Per questo, conferma Patronaggio, “penso che siamo di fronte a un’immigrazione pericolosa”.

www.today.it



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -