Repubblica Democratica del Congo, dove la violenza sessuale è normalità

Condividi

 

Nel 2015 oltre 13mila donne hanno denunciato casi di violenza sessuale, ma sono molte di più le vittime di stupro che rimangono in silenzio. “Non sanno di cosa si tratta. Vengono violentate, ma pensano che sia normale”, spiega un’operatrice di Intersos, agenzia umanitaria italiana che opera sul territorio dal 2010. Le vittime di violenza non sono solo donne sposate ma anche ragazze e bambine.

L’obiettivo principale delle operatrici e dei volontari di Intersos è stimolare chi subisce uno stupro a esternare il dolore e denunciare l’aggressore. In un paese dove gli abusi sono all’ordine del giorno, nonostante le autorità ne siano a conoscenza, è fondamentale agire culturalmente, “far capire agli uomini che le donne non sono oggetti sessuali da usare quando si vuole”
(a cura di Marisa Labanca)

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -