DILAGA L’IDIOZIA DEI “POLITICAMENTE CORRETTI”

Condividi

 

Fassina contro la Meloni: “I protagonisti di stupri? Quasi sempre vermi italiani”

Meloni a Boldrini: “Non dice nulla sui vermi magrebini?”. E Fassina: “E lei non dice nulla quando i protagonisti di stupri sono, come avviene nella maggioranza dei casi, vermi italiani”

di Gianni Petrosillo – conflittiestrategie.it

E’ evidente la malafede (e anche stupidità) di costui. Non m’interessa quello che ha chiesto la Meloni, piuttosto inutile e certo propagandistico. Però non si può rispondere che gli stupratori sono in maggioranza italiani. Vorrei vedere; se fosse il contrario, significherebbe che ormai la popolazione araba ha superato in numero quella italiana, e ciò è lontanissimo dalla realtà. Semmai sarebbe da contare, in percentuale, quanti sono gli stupratori nei vari gruppi stranieri in rapporto a quelli presenti nella popolazione italiana. Avrebbe però senso? Non credo proprio.

Il problema non è negli stupri, che certamente vengono praticati da delinquenti di tutti i colori, di tutte le etnie, di tutti i paesi e via dicendo. La vergogna è che si è tentato in tutti i modi di nascondere che gli stupratori erano arabi. Se si fosse trattato di italiani, sarebbero stati denunciati e svergognati con nome e cognome, trovandoli fin da subito o quasi. La schifosaggine di questi autentici vermi, di cui è piena la “sinistra” che si pretende “progressista” e “politicamente corretta”, è che continuano a coprire le infamie di quelli che loro sperano sempre di poter utilizzare quali futuri sostenitori, magari un giorno anche violenti con gli oppositori.

Insisterò sempre, e ossessivamente, che vi è la necessità assoluta di arrivare all’eliminazione esaustiva di tali vermi vomitevoli. Tuttavia, se a loro si oppongono altri mediocri e ottusi, pur essi pieni di odî e settarismi inaccettabili, non si sa veramente a chi rivolgersi per un repulisti, che dovrebbe diminuire di almeno un buon 25% la popolazione di questo nostro paese.

Bisognerà arrivare – e credo che entro vent’anni ci arriveremo (e mi dispiace di non poterci essere) – allo scontro tra potenze e gruppi sociali fra loro nemici, cioè ad un’autentica tragedia, che spazzerà via gli imbecilli e buonisti, inadatti alla nuova fase storica. Come vorrei essere presente. Pazienza, assistiamo alla kermesse di questi idioti e disgustosi esseri, che forse non sono più umani (almeno lo spero per la dignità dell’homo sapiens sapiens).

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -