Non ha paga le ultime 2 bollette. Gli tolgono l’acqua “Ho pianto, viviamo con 600 euro”

Viareggio – UNA storia come tante che silenziose attraversano le nostre strade. Incrociando la burocrazia, fredda e rigida come il marmo. Ma anche la generosità, rara ma preziosa per tenere viva la speranza.

La vicenda è raccontata da www.lanazione.it

ERA rimasto indietro di due bollette dell’acqua: «Così ho chiamato Gaia comunicando che avrei rateizzato il debito» ci racconta il nostro lettore. Con un fax all’ufficio legale ha spiegato la sua situazione, «siamo tutti disoccupati, io, mia moglie i miei figli». E con la piccola pensione del padre, 600 euro, l’intera famiglia tra mille sacrifici affronta la vita. Aveva lasciato in coda anche il numero di telefono. «Ma niente», il 31 luglio ha scoperto che a casa dell’anziano padre i rubinetti erano stati ‘sigillati’. «Ha 90 anni e alcuni problemi fisici». Le bollette sono salatissime, vive in una vecchia casa con un unico contatore per due abitazioni. «E secondo quanto ci ha detto l’azienda non si possono neppure dividere, dato che anche gli impianti sono vecchi». Il pensionato non può neppure fare richiesta, presentando l’Isee, per gli sgravi; «è proprietario di un fondo sfitto, che comunque produce redditto». Queste le premesse.

DIFFICILE spiegare a parole l’amarezza, lo sconcerto, la delusione e il senso di solitudine che questa famiglia ha provato nel momento in cui si è ritrovata senza acqua, «il 31 luglio, in piena emergenza caldo». Vuole raccontare tutto, questo figlio e anche padre. «Vi confesso che mi sono messo a piangere»; con le lacrime agli occhi ha bussato allo sportello Gaia. E all’operatore ha confessato tutte le fragilità , «anche quelle di mio papà, che a letto aspettava di essere lavato». Allora si è aperta la procedura, «chilometrica: dall’operatore al dirigente, dal dirigente al funzionario, dal funzionario all’ufficio legale».

Alla fine, il riallaccio, se fosse stato accettato il piano di rientro «sarebbe avvenuto 48 ore dopo l’ok; ma non sapevo quando la mia pratica sarebbe stata esaminata».

Poi si è palesato «un angelo del cielo»; così lo chiama. Che si è fatto avanti, «e ha anticipato la somma per saldare il debito con Gaia». Con quello che bastava l’utente è tornato all’ufficio, «e un operatore gentilissimo ha sistemato subito la pratica, ma non mi ha saputo dire quando sarebbe tornata l’acqua». Ci ha pensato un altro «angelo del cielo» e «prima di sera tutto è stato ripristinato». Ora, dopo lo sfogo, già ipotizza la replica del gestore del servizio idrico. «Con piena ragione, per carità. Ma ho raccontato questa storia per far capire a chi di dovere che staccare la fornitura dell’acqua, per di più ad un anziano, è una cosa disumana. Spero che qualcuno intervenga, che prevalga il fattore umano su quello freddo dei computer e degli uffici legali».



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -