Minniti svela: “La UE voleva darci soldi per non fare uscire i migranti dall’Italia”

L’Italia ridotta come la Turchia o la Libia, pagata qualche milione di euro in più non solo per accogliere i migranti, ma per tenerli e non farli uscire dai propri confini. Ecco la “solidarietà”dell’Unione europea di fronte a un’emergenza senza precedenti.

È il ministro degli Interni Marco Minniti a svelare cosa accadde dopo quelle drammatiche 48 ore, tra 27 e 28 giugno scorsi, quando nei nostri porti sbarcarono 27 navi con 12mila disperati a bordo. “Sapete cosa ci offrirono i nostri amici di Bruxelles dopo quelle giornate tragiche e tremende? Non ci offrirono soluzioni politiche, non ci tesero una mano, proposero soltanto di darci più soldi per creare nuovi hot spot”.

A riferire lo sfogo del ministro è il Giornale, una violentissima accusa ai vertici Ue: “Non crediate mica che quei soldi ci venissero offerti per far star meglio i migranti, per accudirli, per garantire la loro integrazione. No, offrendoci quei soldi ci chiedevano di creare dei centri da cui i migranti non potessero uscire. Ci proponevano di fare dei centri di internamento, cioè delle vere e proprie galere, persino per i minori non accompagnati”.

Da quel giorno, la svolta imposta da Minniti a un governo troppo succube di Bruxelles: siamo soli a fronteggiare l’ondata migratoria, e dobbiamo arrangiarci senza attendere aiuti dall’esterno, che non arriveranno.

liberoquotidiano.it



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -