Migranti, Don Zerai: ”Il mio telefono era scritto nelle prigioni libiche”

Condividi

 

Don MUSSIE ZERAI, sacerdote eritreo agenzia Habesha, per anni è stato il punto di riferimento dei migranti che attraversano il Mediterraneo. Ora risulta indagato per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina: il suo nome compare nell’inchiesta di Trapani, la stessa delle ong.

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -