“Richiedenti asilo” lavoreranno gratis ad Ancona

Invece di assumere italiani disoccupati – e pagare loro un regolmentare stipendio – il Comune di Ancona preferisce far lavorare i clandestini. Gratis.

Dalla manutenzione di piccoli spazi pubblici e arredo urbano alla vigilanza del verde pubblico, dalla presenza nelle biblioteche alla collaborazione a diversi servizi. Sono alcune attività di volontariato civico che dall’8 agosto verranno svolte ad Ancona anche da richiedenti asilo ospitati in strutture di prima accoglienza gestite dalla Prefettura in attesa del riconoscimento della protezione internazionale. Lo prevede un protocollo d’intesa firmato dal Comune e dalla Prefettura per favorire una migliore inclusione dei migranti: dare loro la possibilità di impiegare il tempo in lavori che generano un beneficio per la collettività.

In città sono presenti 598 richiedenti protezione internazionale (78 gestiti dal Comune mediante lo Sprar e già interessati da tirocini di inclusione sociale). Ora altri 19 migranti, anche in fase di prima accoglienza, hanno dato disponibilità e potranno svolgere l’attività di volontariato a titolo completamente gratuito. (ANSA)



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -